Home > Attualità > Comunicati Stampa > Lo Sporting Nola traccia un bilancio provvisiorio

Calcio - Campionato di prima categoria

Lo Sporting Nola traccia un bilancio provvisiorio

Lo Sporting Nola traccia un bilancio provvisorio mentre il campionato si ferma ai box per le festività pasquali; la stagione bianconera è ancora aperta ed in piena corsa per giungere almeno all’obiettivo play-off, visto che il discorso promozione diretta è da archiviare.

mercoledì 28 marzo 2012, di Comunicato Stampa


Nonostante all’inizio della stagione il sodalizio nolano avesse preventivato questa meta come possibile, bisogna ammettere che ogni stagione ha una storia a sè e tanti sono i fattori che possono segnare l’andamento di un campionato. Lo Sporting conosce bene questa realtà, visto che il club bianconero vanta due promozioni sul campo e di certo non ne fa un mistero anzi, è ancora più voglioso di disputare questi ultimi match di campionato con la convinzione di poter tentare il salto di categoria attraverso la lotteria dei play-off.

Dunque dal campionato aperto ad ogni possibile risultato, si passa all’aspetto puramente societario; il club di Corso Tommaso Vitale è in costante crescita sia a livello di numero di soci che di sponsor (si tiene a precisare che quest’ultimi arrivano dall’impegno dei soci e non dall’aiuto di altri o di enti politici) ed il Presidente Allocca sottolinea la costante crescita del vivaio che ad oggi vanta ben oltre cento iscritti. Nonostante ciò, vi è da parte dell’Amministrazione Comunale un completo disinteressamento per quanto riguarda la crescita costante ed esponenziale di questa società.

E’ storia recente la decisione, da parte dell’Amministrazione Comunale, di decretatare un tariffario per l’usufrutto degli impianti sportivi cittadini. A questo punto le domande che la società nolana si pone sono tantissime, delle quali due non riescono proprio a trovare risposta.

Sperando che qualcuno possa dare una risposta a tali domande, la società Sporting vuole portarle alla Vostra attenzione:
-  con il pagamento della quota per la disputa delle gare (visto che gli allenamenti della sottoscritta società vengono svolti nel comune di S. Paolo Belsito per mai precisati motivi di coincidenza e concomitanza con altre società, mai risolti da chi di dovere), è possibile sapere se durante la permanenza nella struttura vi sarà presente una figura comunale la quale si occupi della gestione dello stesso impianto?

-  Ad oggi non sono chiari i metodi dell’usufrutto della struttura “Sporting Club” visto che le società che ne usufruiscono lo fanno perché ne hanno “diritto”: perché allo Sporting Nola dovrebbe essere riservato un trattamento differente? Ci sono forse requisiti necessari dei quali non siamo in possesso? Non è forse così che si passa dal piano dei diritti per tutti a quello dei privilegi per pochi?

-  E’ possibile sapere a chi è affidata la gestione dell’impianto? E se c’è, con quali requisiti è stato scelto di affidargli la gestione?
Queste domande nascono da un’esigenza prettamente gestionale che vede lo Sporting Nola sopperire alle negligenze e mancanze altrui a proprie spese.

C’è qualcuno che si domanda come si riesca a sopperire, con le sole nostre forze, ad una tale situazione di carenza gestionale: le risposte sono da ricercare nelle fondamenta e nella struttura societaria.

Nonostante i bianconeri disputino un campionato di prima categoria, possono infatti contare su un organigramma societario che copre tutte le varie funzioni e gestisce e regola ogni aspetto (economico, burocratico ed organizzativo) con la massima serietà ed il massimo rispetto, anche e soprattutto un settore giovanile, che da tre anni è in costante crescita con un apparato gestionale ed organizzativo ad hoc che lo regola e lo gestisce allo stesso tempo.

Una società completa sotto tutti i punti di vista che qualcuno a Nola definisce ancora un gruppo di amici e non a torto: lo Sporting Nola è dapprima una Grande Famiglia, ma avendo dei doveri da adempiere nei confronti dei tanti appassionati che ci seguono e nei confronti di chi ci ha affidato i loro figli, si è dovuta adeguare ed è pian piano cresciuta sotto il profilo puramente societario.

Lo Sporting Nola non è mai stato pretenzioso (e forse avrebbe dovuto) ma sempre propositivo ed aperto ad ogni proposta, altri invece si arrogano il diritto di dover avere la precedenza in tutto, e questo al club bianconero non è più disposto a tollerarlo.

I buoni rapporti si mantengono sul rispetto e la stima reciproca: se questi due valori vengono a mancare, allora significa che lo Sporting Nola viene visto come un nemico da abbattere e da distruggere, atteggiamento che noi non abbiamo mai avuto (e durante gli anni abbiamo sopportato ogni tipo di negligenza e torto) e mai avremo.

Con questo ribadiamo la disponibilità ad eventuali chiarimenti alle nostre domande ed anche ad eventuali proposte (se ci saranno) da parte dell’Amministrazione Comunale, ma se così non fosse la società bianconera dovrà, giocoforza, adottare drastiche decisioni (che non è quella di abbandonare tutto, anche se qualche nostro concittadino ne sarebbe estremamente felice).

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.