Home > Cronaca > Poggiomarino. In arrivo un erogatore pubblico: la formula del doppio (...)

Poggiomarino. In arrivo un erogatore pubblico: la formula del doppio risparmio

domenica 1 aprile 2012, di Giovanna Salvati


Poggiomarino. Acqua filtrata attraverso un erogatore pubblico: è questa la brillante idea, ed è il caso di dirlo, venuta agli amministratori della cittadina che nei giorni scorsi ha approvato un atto deliberativo per dare il via ad un progetto finalizzato alla riduzione dei rifiuti, tutto attraverso l’ installazione di un erogatore di acqua filtrata naturale, ma anche gassata, per i più esigenti. L’idea venuta al vicesindaco Giuseppe Annunziata, ha trovato subito riscontro in tutti i componenti dell’intero esecutivo, primo fra tutti il sindaco Leo Annunziata. Un iniziativa che trova le basi nell’impegno, da parte dell’ente cittadino, di promuovere iniziative volte al risparmio delle risorse e alla riduzione dei rifiuti nel rispetto delle politiche ambientali ed energetiche. Nella delibera infatti si evince che il tutto prende vita con l’obiettivo di fornire un servizio ai suoi cittadini e nel contempo ridurre la produzione di rifiuti. L’installazione di impianti utili alla filtrazione ed alla distribuzione di acqua naturale o gasata prelevata dall’acquedotto, sarà evasa attraverso delle apposite strutture di seguito denominate “Case dell`acqua”. Grazie a questi infatti, si potrà cosi sperare nella riduzione della produzione di rifiuti derivanti dagli imballaggi in Pet, permettendo quindi la riduzione effettiva dei quantitativi di rifiuti da smaltire e la riduzione dell’inquinamento. Dati stimati? Si parla di 250,00 € annui di risparmio per le famiglie che usufruiranno del servizio e in circa 6.000,00 € annui per ogni erogatore installato il risparmio per la raccolta e lo smaltimento della frazione, tutto a tutela e rispetto dell’ambiente. “L’istallazione dell’ impianto – spiega il vicesindaco Giuseppe Annunziata – considerato che è in corso l’ ultimazione del parcheggio comunale di via San Marzano potrebbe essere collocata in quest’area”. Ma se da un lato l’idea alletta, sul fronte opposto bisogna fare i conti con le casse comunali esigue, ma anche su questo la giunta Annunziata ha le idee ben chiare “ si potrebbe puntare su risorse proveniente da capitali privati e provvedere poi anche ai servizi di manutenzione e gestione ponendo a carico dei cittadini il costo per litro di acqua erogato non superiore ad euro 0,03 al litro per l’acqua naturale ed euro 0,05 per l’ acqua minerale”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.