Home > Politica > Il Prc al sindaco: “Esposito dimettiti, nessuno in paese ti (...)

Il Prc al sindaco: “Esposito dimettiti, nessuno in paese ti rimpiangerà”

sabato 7 aprile 2012, di Gabriella Bellini


Il caso politico degli ultimi giorni non poteva lasciare indifferenti i partiti di opposizione in città. A chiedere l’urgente convocazione di una seduta del consiglio comunale per verificare se davvero il centrodestra ha ancora una maggioranza è il Prc. “Il circolo di Rifondazione Comunista osserva attonito il comportamento assunto in Consiglio Comunale dalla maggioranza del Pdl capeggiata dal sindaco Carmine Esposito”, scrivono in una nota i dirigenti del Circolo “Nello Laurenti, “Beghe interne, interessi personali, minacce all’ex capogruppo e querele vanno in scena di questa soap opera. Coinvolgono tutto il paese e mettono a repentaglio la coesione sociale minata da una destra reazionaria che, a livello locale e nazionale, ha puntato sulla privatizzazione dei servizi e frantumato lo Stato Sociale. Rifondazione Comunista, chiede l’immediata convocazione del Consiglio Comunale per verificare se, il sindaco Carmine Esposito, ha una maggioranza per approvare il bilancio di previsione del 2012”. Una maggioranza che potrebbe esserci soltanto con l’appoggio di qualcuno dell’opposizione, considerato che il sindaco ha dichiarato che sia Anna Rita De Simone che Rossella Ciccarelli non fanno più parte della maggioranza. “Lasciare il paese in balia di una crisi profonda in attesa dei voltagabbana di turno”, aggiungono i dirigenti di Rifondazione, “rappresenta un degrado politico ed etico. La politica non come cura degli interessi della comunità anastasiana ma dei fatti personali. E’ ora di cambiare sindaco Carmine Esposito, da Visconte Dimezzato ora sei un Cavaliere Inesistente. Dimettiti nessuno ti rimpiangerà”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.