Home > Cultura > Marisa Laurito al Teatro Corallo con “A me me piace ‘o sciò”

Marisa Laurito al Teatro Corallo con “A me me piace ‘o sciò”

mercoledì 16 gennaio 2008, di Gabriella Castiello


TORRE DEL GRECO - Il Teatro Corallo è lieto di ospitare l’anteprima di “A me me piace ‘o sciò".

Saranno martedì 22 e mercoledì 23 gennaio i giorni in cui Marisa Laurito diverrà protagonista sul palco del teatro torrese, dove l’inizio dello spettacolo è previsto per le 21.00.

L’occasione è veramente da non perdere. “A me me piace ‘o sciò” nasce, infatti, per festeggiare i trentacinque anni di carriera dell’artista pertenopea, molti dei quali spesi come gavetta nel varietà, nel teatro di Eduardo De Filippo e, successivamente, come protagonista al cinema, in teatro e in televisione.

“A ME ME PIACE O ‘SCIO’ “, scritto dalla stessa Laurito, si avvale della divertita regia di Manuela Metri, che vive e lavora da anni negli Stati Uniti e che ha già lavorato con l’attrice in “Menopause The Musical”. Ad accompagnare la Laurito in questo divertentissimo show ci saranno un’orchestra di otto elementi e The Pagnottell Ballett, ovvero il corpo di ballo composto da sei ballerine-cantanti ben in carne. La bella Marisa gioca con la formula dell’ “one woman show”, accompagnata dalla sua eclettica, irriverente e insubordinata orchestra, con la quale dialoga e improvvisa saltellando magistralmente tra un aneddoto e una boutade, rispolverando vecchi successi del varietà alternati a racconti di vita, rivisitando generi e sapori d’altri tempi per poi tornare con l’ironia di sempre a temi e canzoni contemporanee.

Gli arrangiamenti e la direzione musicale sono curati da Tonino Esposito, le scene da Cappellini & Licheri, i costumi sono opera di Graziella Pera, i dipinti originali Riccardo Manaò, mentre le coreografie sono di Evelin Hanak.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.