Home > Politica > Rifiuti, a Sant’Anastasia un consiglio comunale straordinario

Rifiuti, a Sant’Anastasia un consiglio comunale straordinario

mercoledì 16 gennaio 2008


SANT’ANASTASIA - Consiglio Comunale straordinario sull’emergenza rifiuti richiesto da sette consiglieri e convocato per domani alle 16,30. Ancora chiuse le scuole perché all’emergenza si è aggiunta la mancanza d’acqua e sospeso il mercato del mercoledì per evitare l’accumulo di ulteriori rifiuti. Intanto ieri il sindaco Carmine Pone ha fatto appello al Prefetteo per: "sottolineare l’ulteriore aggravamento dell’emergenza rifiuti nel territorio del Comune di Sant’Anastasia. Da un’ultima ricognizione è emerso, infatti, che sono attualmente giacenti sul territorio comunale circa 1.200 tonnellate; il 10 gennaio si è reso inevitabile disporre la chiusura degli istituti scolastici a tempo indeterminato perché, ormai, gli stessi risultano “ assediati” da ingenti quantità di rifiuti nel mentre è in corso di emanazione il provvedimento di sospensione del mercato settimanale in quanto il sito utilizzato risulta in condizioni igienico-sanitarie inadeguate e – sottolinea la nota di Pone – il Comune non ha effettuato alcun conferimento a decorrere dal 03 gennaio. Nonostante gli accurati interventi di disinfezione dei cumuli di rifiuti adottati sistematicamente da questo Ente, nonché le azioni di contenimento dei rifiuti al fine di consentire la circolazione veicolare e pedonale, risulta evidente che la situazione complessiva del territorio si configura come gravissima ed estremamente pericolosa”. Intanto c’è uno spiraglio nella raccolta di parte delle 1200 tonnellate di rifiuti che invadono marciapiedi e piazze: due bilici carichi sono partiti per Serre e due compattatori, in fila da diversi giorni, questa mattina hanno scaricato a Caivano.
Con lo svuotamento degli automezzi e l’affitto dei due bilici, è stata disposta la graduale liberazione dai rifiuti degli ingressi delle scuole di via Romani Centro, via R. Margherita, via Vallone, Corso Umberto I e Strettola, via Rosanea, via Starza e via Primicerio.
“Non potremo aprire le scuole giovedì 17, come avevamo previsto, perché mancherà l’acqua in questi giorni. Penso che per lunedì prossimo l’emergenza sarà attenuata di molto e ci avvieremo a dare nuovo impulso alla raccolta differenziata – afferma l’assessore all’ambiente, Pasquale Coppola – che non va mai abbandonata. Libereremo al più presto i contenitori di vetro, plastica, carta e umido, per cui la cittadinanza è invitata a collaborare nella differenziazione dei rifiuti”.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.