Home > Attualità > Rientra l’agitazione dei dipendenti AMAV

Rientra l’agitazione dei dipendenti AMAV

lunedì 21 gennaio 2008


SANT’ANASTASIA. Rientrata l’agitazione dei circa 40 dipendenti Amav (azienda comunale che si occupa della raccolta dei rifiuti) che, senza interrompere il servizio, hanno rivendicato il tiket mensa di due mesi ed il saldo della tredicesima, per l’anno 2007. Mentre le associazioni e i movimenti si adoperano attivamente sul territorio a favore della raccolta differenziata, è giunta a palazzo Siano la notizia di un’auto rossa sbucata, in via Aldo Moro, da un cumulo di rifiuti durante la rimozione di stamane. Sembrerebbe che un cittadino l’aveva messa lì a far da argine, ma è stata sommersa ed è venuta fuori dopo giorni. Una notizia che potrebbe far sorridere ma fa ancor più comprendere quanto l’emergenza sia drammatica, perché sul fronte rifiuti la situazione non migliora e, pur conferendo circa 38 tonnellate questa mattina, non si è ancora aperto uno spiraglio per le 1200 e più tonnellate di indifferenziato che sono a terra e rischiano di aumentare giorno dopo giorno. E proprio la gestione dell’emergenza è stata sottolineata dal Sindaco nell’incontro con i lavoratori dell’Amav. Ricevuti in tarda mattinata presso la sala Giunta, i lavoratori hanno sottolineato la necessità di attivare presto la differenziata e di richiamare i cittadini a farla bene, per non vanificare il loro lavoro ed hanno chiesto assicurazioni sul pagamento della quota di tredicesima non riscossa, sui tiket mensa arretrati e sulle prossime mensilità. “Credo che la scelta politica sia ormai chiara: dobbiamo puntare alla raccolta dell’umido con il sistema “porta a porta” - dice il sindaco Carmine Pone -Togliendo l’umido dai rifiuti eviteremo altre tragedie”. Stiamo reperendo le risorse necessarie (circa 200mila Euro) per attuarla e lo faremo col prossimo bilancio anche se fossimo costretti a tagliare la luce a Palazzo Siano. Un’altra scelta politica certa è che intendiamo risanare l’AMAV, salvare il livello occupazionale, ottenere un servizio efficiente a costi che saranno certamente più contenuti – continua il primo cittadino – e per far questo dobbiamo investire risorse comunali apposite. E’ quindi necessario intensificare la lotta all’evasione, (ogni anno perdiamo circa due milioni di euro), tagliare sulle spese e convogliare le risorse su questi due obiettivi. Occorre anche monitorare la raccolta differenziata e, tra le priorità date al nuovo comandante della P.M., ho chiesto un incisivo controllo dei cittadini che conferiscono i rifiuti senza rispetto delle regole di orari e separazione dei materiali. Per ciò che riguarda i lavoratori dell’Amav, come mi sono impegnato per far pagare gli stipendi e parte della tredicesima, così mi impegno a far rientrare la situazione dei tiket e del saldo della tredicesima entro febbraio o la massimo entro marzo. Per gli stipendi futuri non vi sono problemi, anzi lavoreremo affinché non accada più quello che è successo a dicembre scorso, attraverso un’accurata programmazione.”

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.