Home > Politica > Carmine Esposito e il "Patto per Sant’Anastasia"

Carmine Esposito e il "Patto per Sant’Anastasia"

mercoledì 13 giugno 2012


Pubblichiamo di seguito una nota del sindaco di Sant’Anastasia Carmine Esposito

Il particolare momento storico, di crisi e non solo economica, deve positivamente condizionare le azioni nostre e quelle di ogni singolo rappresentate delle Istituzioni. In questa ottica, nell’intento di garantire il risultato massimo, abbiamo deciso, contro gli stessi nostri interessi personali, di avviare una nuova fase, fuori dal tradizionale schema dei partiti e finalizzata a garantire al territorio nostro il necessario rilancio sociale, strutturale ed economico, atteso invano da tempo.
L’obiettivo, ormai noto e più volte ribadito, è quello di garantire al popolo anastasiano un governo stabile, che intercetti le loro istanze e soddisfi, in maniera legittima, gli stessi bisogni. Abbiamo il dovere, morale prim’ancora che politico, di perseverare, con spirito di sacrificio e rigore, nell’attuazione del Programma presentato agli elettori e da loro sottoscritto e votato.
In questi primi due anni di governo del territorio, nonostante le difficoltà derivanti dai numerosi vincoli di bilancio e dalla burocrazia sempre più opprimente, abbiamo dato un impulso coordinato e deciso all’azione amministrativa nostra, riuscendo ad ottenere importanti risultati. Tra questi, annoveriamo lo scioglimento dell’AMAV, la rivisitazione contrattuale a vantaggio dei cittadini del progetto per la riqualificazione del Cimitero Comunale, l’informatizzazione degli uffici comunali e diversi nuovi servizi erogati al cittadino, la regolamentazione della sosta con l’installazione delle Strisce Blu, l’ormai imminente messa in esercizio del serbatoio Olivella, oltre alla riqualificazione di numerose strade e quartieri, all’ottenimento di diversi finanziamenti sovra comunali, molteplici regolamenti approvati e/o modificati, la riqualificazione della rete fognaria a monte del nostro territorio, la redazione dei PIP e del PUC e tanti altri interventi che nell’ordinario danno una diversa, e positiva, connotazione al nostro paese. Senza, però, dimenticare e questo ci rende orgogliosi, la particolare attenzione che poniamo al problema dell’igiene urbana e all’ambiente in generale: possiamo, ad oggi, senza paura di essere smentiti, affermare che il nostro è un paese pulito, vivibile, dove il cittadino può tranquillamente passeggiare e godersi il territorio.
Quello che vogliamo garantire è il Bene Comune, inteso come benessere individuale, nella collettività, del cittadino. Questa è la ragione che c’ha spinto, mettendo in discussione la nostra stessa maggioranza, ad abbandonare i partiti tradizionali e porre al centro della nostra azione la persona, il paese, il nostro senso di appartenenza . Un patto sociale, umano, tra coloro che intendono la politica nobile servizio alla propria Comunità e non certo uno strumento per catalizzare simpatie o soddisfare personali bisogni.
È nostra intenzione misurarci al cospetto del giudizio dei cittadini, ad una condizione: che si valuti, e bene, gli atti amministrativi prodotti e la mole di lavoro approntata, oltre ai risultati raggiunti. Sulle questioni concrete vogliamo confrontarci e capire, con il vostro aiuto, dove bisogna intervenire e dove c’è da migliorare e, allo stesso tempo, migliorarsi. È proprio dal confronto leale, privo di condizionamenti ideologici, che nasce una grande Comunità.

Proviamoci insieme!

Messaggi

  • Il Patto,
    Ma con chi l’aveva programmato il Sindaco, naturalmente con gli elettori del centrodestra, pronunciando nella sua intervista a questo giornale, nei teatri, nella biblioteca comunale , (di avviare una nuova fase, fuori dal tradizionale schema dei partiti e finalizzata a garantire al territorio nostro il necessario rilancio sociale, strutturale ed economico, atteso invano da tempo), ma non aveva dichiarato, È QUELLO DI GARANTIRE AL POPOLO ANASTASIANO UN GOVERNO STABILE, ma le bugie non si dicono, vorrei ricordare ai tanti elettori del centrodestra,ripeteva il Sindaco Esposito ci sarà una sola giunta, perché nelle passate Amministrazione specialmente quella del Sindaco Jervolino le cambiava continuamente, adesso tutto è lecito cambiare Amministrazione con le opposizione e nominare una nuova giunta, criticava Il sindaco Jervolino per non aver governato bene, ma nelle file di quella Amministrazione militava anche il consigliere Capuano poi eletto Assessore e vice Sindaco, ma allora il governo Jervolino sapeva governare se oggi questa amministrazione si regge con l’ appoggio dei bocciati dagli elettori, penso che che gli elettori del centrodestra dovrebbero chiedere al Sindaco se è la stessa minestra! Adesso ci dice che Sulle questioni concrete vogliamo confrontarci ma con chi?
    Pensatela come volete ma questo si chiama ribaltone………….
    Cordiali Saluti Sasso

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.