Home > Attualità > Comunicati Stampa > Festival dell’impegno civile, a Radio Siani uniti contro le mafie

Festival dell’impegno civile, a Radio Siani uniti contro le mafie

Ercolano. La tappa del Festival dell’impegno civile nel palazzo del boss Birra su corso Resina ad Ercolano è stata un segnale forte, come hanno sottolineato anche il direttore di Radio Siani Amalia De Simone e il coordinatore Giuseppe Scognamiglio.

martedì 26 giugno 2012, di Comunicato Stampa


“Chi racconta le mafie”, nome mai più azzeccato per questa tappa data la presenza
di giornalisti che vivono quotidianamente la lotta alle mafie, senza paura, facendo il
proprio mestiere come hanno raccontato appunto gli ospiti stessi.

Amalia De Simone
che ha raccontato del passaggio apposito dei familiari del boss di qualche giorno fa
con la bara della defunta madre dello stesso Giovanni Birra agli inseguimenti di
Marilena Natale per fotografare assassini nel casertano. Dalle vicende legate al libro
“Il Casalese” raccontate da Ciro Pellegrino del Coordinamento dei giornalisti
precari a Pino Maniaci di Telejato, che col passaggio al digitale terrestre, mette a
disposizione di Radio Siani uno dei canali della sua emittente televisiva.

“Sono
importanti questi appuntamenti – ha dichiarato Maniaci – per scuotere le coscienze
della gente, perché la lotta alla mafia è un dovere di tutte le persone oneste”.
“Abbiamo da imparare dal movimento antimafia siciliano che è fattivo, d’impatto.

A
volte il movimento antimafia campano si perde un po’ nei preamboli e non arriva al
sodo. Con questa tappa abbiamo voluto dare voce a quanti fanno la vera
informazione, nuda e cruda, quella che non si trova ovunque”, ha dichiarato il
coordinatore di Radio Siani, Giuseppe Scognamiglio, aprendo il dibattito.
Cordialmente,

Ufficio stampa Radio Siani

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.