Home > Attualità > Festa de l’Unità al via a piazza Mercato tra dibattiti e spettacoli

Festa de l’Unità al via a piazza Mercato tra dibattiti e spettacoli

venerdì 29 giugno 2012, di Domenico Maione


La festa de l’Unità torna e si sdoppia. Oltre al consueto appuntamento presso il Parco Pubblico “Giovanni Paolo II”, procrastinato a settembre, l’edizione 2012 prevede – questo fine settimana – una tre giorni di eventi che annovereranno quale ambientazione Piazza Mercato. “L’obiettivo è anche quello di rivalorizzare quest’area della città, già luogo della memoria attraverso un apposito museo”, spiega – nelle vesti di organizzatore – Michele Caiazzo (nella foto) nel corso della conferenza di presentazione. Si parte venerdì 29 giugno alle ore 19 con il dibattito “Linguaggi e contenuti della politica. Giovani e società: quale cambiamento?”, cui prenderanno parte Francesco Coppola (Coordinatore FDS Pomigliano), Stefano Iorio (Segretario GC Pomigliano), Antonella Pepe (Segretaria regionale GD Campania), Lello Savonardo (Università Federico II Napoli) e Michele Grimaldi (Segreteria Nazionale GD). A coordinare il confronto sarà Marco Auriemma (Segretario GD Pomigliano). Sabato 30 giugno, invece, la discussione graviterà intorno ai temi di lavoro, mezzogiorno e sviluppo sostenibile. I relatori saranno Michele Buonomo (Presidente Legambiente Campania), Federico Libertino (Segretario Generale CDL Metropolitana), Peppe Provenzano (Ricercatore SVIMEZ Roma) e Armando Vittoria (Ricercatore di Storia di Scienze Politiche). Coordinatrice dei lavori: Mariangela D’Auria (Direttivo PD Pomigliano). Infine, domenica 1 luglio alle ore 19, sarà la volta dell’iniziativa “Caro Bersani…”, nell’ambito della quale operai, studenti, disoccupati, imprenditori, universitari e pensionati esporranno – rivolgendosi idealmente al segretario Pierluigi Bersani – le rispettive problematiche e le relative proposte d’azione. “Daremo grande risalto a questo format – interviene in merito Caiazzo –, diffondendolo il più possibile. Per la prima volta non ci sarà un comizio ove qualcuno spiega ai cittadini il da farsi, ma l’esatto contrario: saranno i cittadini a spiegare il da farsi ai politici”. Diverse saranno, parallelamente, le mostre allestite: “Falcone e Borsellino 20 anni dopo”, “Politiche sociali e del Lavoro”, “Inchiesta sulle condizioni politico-amministrative della città”, “La pittura giovanile” etc. Altrettanto vasto il programma degli spettacoli: presenti – tra gli altri – Luca Sepe (Radio Kiss Kiss Napoli), A.C.E. e Volume 69. “Ho ricevuto richieste di partecipazione da ogni dove: 99 Posse, A67, paranze dell’etno-folk della zona. Cercheremo di ripercorrere all’inverso il passaggio dalla cultura agreste a quella post-industriale di Pomigliano, alla riscoperta delle tradizioni”, conclude Marcello Colasurdo, direttore artistico della festa.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.