Home > Attualità > La Sinistra per Somma: "Coppola ha dimostrato tutta la sua incapacità e (...)

La Sinistra per Somma: "Coppola ha dimostrato tutta la sua incapacità e pressapochezza"

lunedì 2 luglio 2012


Con la festa di pensionamento nel Castello D’Alagno si è consumata l’ennesima prova di cattiva politica da parte dei nostri amministratori. Il comune, attraverso un’ordinanza, ha istituzionalizzato una festa privata, permesso che si svolgesse un evento di esclusivo interesse privato in uno spazio comune a tutta la cittadinanza. Inoltre, cosa ancor più grave, ha autorizzato lo svolgimento dell’evento nel cortile del Castello d’Alagno mentre la struttura che lo circonda è inagibile.
Infine gli organizzatori hanno minacciato e intimidito alcuni cittadini che erano accorsi a chiedere spiegazioni.
Sono più di sei mesi che il Movimento RESTITUIAMO IL CASTELLO D’ALAGNO AI CITTADINI, di cui la Sinistra per Somma è stata animatrice, formato da associazioni, movimenti politici e semplici cittadini, lavora su questo spazio pubblico. Abbiamo presentato un dossier dettagliato con regolamento d’utilizzo e proposte momentanee e permanenti mentre l’amministrazione comunale non ha fatto nulla.
Quello che è successo Mercoledì dimostra che le nostre perplessità rispetto alla intenzioni di questo governo cittadino erano fondatissime.
La Sinistra per Somma chiede ufficialmente le dimissioni dell’assessore Emanuele Coppola cha ha dimostrato tutta la sua incapacità e pressapochezza. Chiediamo che si faccia luce su l’intera vicenda: vogliamo capire di chi sono le responsabilità, chi ha finanziato quella manifestazione e se ci sono state tutte le autorizzazioni necessarie.
Inoltre l’assessore Coppola piuttosto che parlare di raid farebbe bene a rispondere alle domande dei cittadini, indignati per come viene utilizzato uno dei pochi spazi comuni del nostro territorio.
Come Sinistra per Somma e come movimento RESTITUIAMO IL CASTELLO D’ALAGNO AI CITTADINI continueremo la nostra battaglia affinché i cancelli di quel luogo siano aperti a tutti e non solo ad una parte e vigileremo affinché la destinazione d’uso di quel bene, che ha permesso il restauro con fondi stanziati dalla Comunità europea, venga rispettata.
Lorenzo Metodio
Segretario “La Sinistra per Somma”

Messaggi

  • "Ecco la delibera sui servizi pubblici a domanda individuale varata dalla giunta De Magistris e che ora dovrà avere l’approvazione del consiglio comunale: un provvedimento che mira a racimolare qualche euro in più in un periodo di vacche magre per gli enti locali. Così, le porte del Maschio Angioino si schiuderanno per chi vorrà coronare nell’antico castello il suo sogno d’amore: per utilizzare la Sala della Loggia, al piano terra, dovranno essere pagati dai 200 ai 500 euro nei giorni feriali e dai 300 ai 600 il sabato (la tariffa varia in base alle ore di utilizzo). La novità principale è l’accesso consentito anche alle terrazze e i camminamenti per i banchetti: sì quindi ai ricevimenti, ma gli ospiti non potranno essere più di 80 e fotografie e filmati saranno consentiti soltanto dove si svolge la cerimonia (a meno che non si voglia pagare una tariffa a parte). Tra le altre regole, no al lancio del riso e ai fuochi d’artificio e utilizzo soltanto di strutture mobili per il catering. Inoltre non sarà consentito l’utilizzo di spazi alternativi al Castello: quindi in caso di pioggia, addio ricevimento. Ovviamente potranno essere affittate anche le sale del Castel dell’Ovo, naturalmente pagando: il prezzo per la sala Megaride è di 211 euro, 780 euro per l’antro di Virgilio e ben 1500 euro per la sala Italia".

    Premesso che non sono del tutto queste le nostre intenzioni, a sinistra non tutti la pensano allo stesso modo, per fortuna. Visto che ci siete e mi accusate di questo, per coerenza, perchè non chiedete anche le dimissioni di De Magistris.

    • "Ecco la delibera sui servizi pubblici a domanda individuale varata dalla giunta De Magistris e che ora dovrà avere l’approvazione del consiglio comunale: un provvedimento che mira a racimolare qualche euro in più in un periodo di vacche magre per gli enti locali. Così, le porte del Maschio Angioino si schiuderanno per chi vorrà coronare nell’antico castello il suo sogno d’amore: per utilizzare la Sala della Loggia, al piano terra, dovranno essere pagati dai 200 ai 500 euro nei giorni feriali e dai 300 ai 600 il sabato (la tariffa varia in base alle ore di utilizzo).

      con questa sua lettera Lei caro Assessore si è autodenunciato, perchè tutto questo Lei l’ha fatto?
      un bene pubblico non può essere utillizzato come se fosse una semplice villa privata, ed è questo che le
      viene contestato e non solo...

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.