Home > Politica > Ottaviano. Partorita la giunta. Il lungo travaglio politico porta solo due (...)

Ottaviano. Partorita la giunta. Il lungo travaglio politico porta solo due new entry / Ecco le foto dei nuovi assessori

giovedì 5 luglio 2012, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Un parto lento e sofferto, ma alla fine,dopo giorni di travaglio,nel tardo pomeriggio di ieri il primo cittadino Mario Iervolino sembra aver trovato la giusta quadratura nella nomina del suo nuovo esecutivo. Lo ha fatto ancora una volta tenendo conto del ricatto dei partiti e in particolar modo del suo stesso partito. Quello che in più tornate gli aveva intimato il cambio, il rinnovamento. Un Pd che aveva sottolineato le crepe ma che lo stesso tricolore aveva prima snobbato per poi dare un primo segnale, nei giorni scorsi, azzerando la sua giunta. Un rimpasto durato una settimana. Sino alla nomina di ieri dei suoi sei fedelissimi. Poco di nuovo, o quasi, per una giunta che seppur da un lato puzza di vecchio, sembra aver almeno dato l’imput al cambiamento.Certo nessuna certezza delle deleghe dove lo scontro per le assegnazioni continua in queste ore. Ma almeno sui nomi tutti in accordo. Rientrano Michele Bianco, Mariarosaria Caiazzo e Francesca Ambrosio. Tre nomi sul quale il sindaco ha voluto fortemente ripuntare. Certo rimangono le grane che questi hanno portato all’ente amministrativo come lo stallo nella realizzazione della riqualificazione di via Cesare Ottaviano Augusto ancora paralizzata e sulla quale l’assessore Bianco aveva più volte preannunziato la ripresa dei lavori. Chimera. A questo si aggiunge la querelle relativa al mercato rionale di fresca inaugurazione che porta la firma di Francesca Ambrosio e la controfirma per i disagi dei cittadini. Ma questa è un’altra storia. Dai banchi della maggioranza invece da consigliere viene promosso il giovane Vincenzo Prisco. Per lui un posto nell’esecutivo. Lui giovane docente di sostegno certo non vanta un curriculum di presenze ad effetto, in questi lunghi anni di attività di consigliere infatti non sembra aver mai proferito progetti politici se non aver letto il famoso documento a firma dei componenti del Pd per chiedere al sindaco una verifica. Ma certo il tempo dell’attesa nella vita si misura dalle opere e non dai giorni o dalle parole. Poche novità senza dubbio ma dove l’unica punta di diamante porta il nome di Michelangelo Ambrosio, eccellenza del territorio. Laureato in fisica attualmente è dirigente di ricerca dell’Infn presso il Dipartimento di Fisica dell’Università di Napoli e collabora alla realizzazione di alcuni esperimenti di frontiera nel campo della fisica subnucleare. Ultimo successo inciso sul suo curriculum quello di essere Governatore del Rotary International. Altro nome nuovo è quello di Alberto Capasso. Volto Slow Food, Capasso è inoltre docente all’Università di Salerno e nome rinomato nel settore della rivalutazione delle eccellenze ambientali e gastronomiche nostrane. Ma siamo solo al secondo atto di Iervolinobis dove il nodo da sciogliere rimane sulle deleghe, altra lotta intestina. Nel frattempo in surroga a Prisco, non entrerà Giuseppe Prisco, ma il terzo dei non eletti, ovvero l’ex consigliere Mimmo Caputo, altra manovra del primo cittadino. (Metropolis 5/07/2012

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.