Home > Cronaca > Palma Campania. Rinviati i festeggiamenti della Madonna delle Grazie dopo (...)

Palma Campania. Rinviati i festeggiamenti della Madonna delle Grazie dopo l’omicidio di Alessandra Sorrentino

domenica 8 luglio 2012, di Giovanna Salvati


Palma Campania. Rinviati i festeggiamenti della Madonna delle Grazie: per Alessandra Sorrentino la città si ferma. Dopo nemmeno 48 ore dal funerale della giovane mamma 26enne uccisa barbaramente dal marito, ieri la decisione dell’amministrazione e delle autorità religiose di rinviare i festeggiamenti rionali. Un’iniziativa che ha sottolineato lo sconcerto che ancora vive nella piccola cittadina e che si alimenta ogni giorno di più in attesa che il giallo venga chiarito dai magistrati. Sino a lunedi Palma Campania era una città piccola ma tranquilla. Baluardo dei vecchi sapori e dove tutti si conosco. Anche Alessandra era conosciuta, ecco perché tutti ora continuano a piangere il suo sorriso. Ma in un istante è diventata il centro degli orrori. Quelli che nell’abitazione di Alessandra Sorrentino ancora vivono. Quelli che nella notte tra lunedi e martedi hanno visto consumare il cruente delitto. Lei mamma di due bambini. È stata uccisa con le forbici, quelle che senza alcuna pietà il marito, Giancarlo Giannini le ha piantato nel petto dopo aver letto un “Ti amo” su Facebook. Non ha avuto nemmeno il coraggio e la lucidità di chiederle il perché, lo ha fatto e basta. E ora, mentre il dolore dei familiari continua a crescere misto alla rassegnazione che stenta ad arrivare, in città il primo cittadino Vincenzo Carbone e il parroco della città hanno deciso di rinviare i festeggiamenti della Madonna delle Grazie “era il minimo che potessimo fare – spiega il tricolore Carbone – non ci sembrava assolutamente consono che tutto continuasse come se niente fosse successo. Siamo tutti ancora pieni di sgomento ed incredulità – continua il sindaco Carbone – e interrompere, o meglio rinviare i festeggiamenti è stata una volontà che è arrivata da tutta la comunità parrocchiale e con piacere condivisa anche dal sottoscritto senza alcuna esitazione”. I festeggiamenti che si sarebbero dovuti tenere in questo weekend nella città erano stati organizzati dalla parrocchia del Santissimo Rosario dove il parroco don Pietro ha deciso così di rinviare il calendario degli appuntamenti “è stato un atto spontaneo ed è il momento che questa comunità rifletta”. Non si sbilancia come non lo ha fatto durante l’omelia dei saluti dove ha chiesto il rispetto per il dolore dei familiari e soprattutto che “il seme della speranza e della resurrezione di Alessandra rappresenti il segno della rinascita e dell’unità”. Eppure all’indomani dei funerali, la città non esita a commentare anche un altro dato importante la scelta del suocero di Alessandra, Biagio Giannini di unirsi al manifesto con i familiari di Alessandra “è stato davvero un bel gesto chissà che abbia preso le distanze dal figlio”. Si chiedono in tanti. (Metropolis 8/07/2012)

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.