Home > Attualità > Comunicati Stampa > Sant’Anastasia. Piazza Siano, teatro del salotto culturale

Sant’Anastasia. Piazza Siano, teatro del salotto culturale

lunedì 9 luglio 2012, di Comunicato Stampa


Sant’Anastasia – In una notte in cui musica, poesia, arte, canto saranno protagonisti,
spazio ai sentimenti… in piazza.
E’ questo il filo conduttore della notte di lettura che si terrà mercoledì 11 luglio alle 21:00
in piazza Siano, trasformata per l’occasione in un teatro naturale che accoglierà un salotto
culturale. Farmacisti, medici, sindaco, assessori, consiglieri, dipendenti comunali, giovani,
ragazzi, presteranno la loro voce ai brani scelti da un apposito team, guidato dal dott. Luigi
De Simone, regista, per togliere spazio ai sentimenti negativi ed esaltare la tenerezza e
la delicatezza. I brani sono stati scelti e condivisi con il team composto dall’ass. Fortuna
Parma, dal poeta Giuseppe Vetromile, dalla prof. Lucia Aiello, dall’ins. Nunzia De Falco e
da Maurizio Sansone che è membro su face book del gruppo anastasiano di lettura “Il topo
con gli occhiali”. Il M° Ciro Perna, insieme ad altri musicisti locali, arricchiranno la serata
con le loro note.

“Il paese ha risposto, anzi ci hanno sorpreso le spontanee proposte di partecipazione
– afferma Luigi De Simone – che ci sono arrivate da parte di professionisti e, cosa
da sottolineare perché le scuole sono chiuse e non abbiamo potuto coinvolgerle
attivamente, dai ragazzi, tra cui un undicenne, che ha raccolto la sfida di andare
contro le logiche comuni ed offrire un suo contributo alla serata. Si sono messi in gioco
professionisti, appositamente invitati, come farmacisti e medici, una categoria che è
vista esclusivamente dal lato professionale, ma che invece saranno in veste di operatori
culturali. Un ringraziamento va agli sponsor, imprenditori che hanno colto l’occasione
per compartecipare, come le pasticcerie Corcione e Montella e “i Curti” noti produttori di
nocino”.

“La notte di lettura è la risposta alla volontà di aggregazione contro la solitudine che troppo
spesso ci stritola – afferma l’assessore alla cultura Parma Fortuna. La lettura, infatti, è ciò
che aiuta a librarsi sempre più in alto, ad andare oltre il particolare, talvolta oltre l’universo
stesso”.

“La notte di lettura è un evento. Evento che non ha solo valore per la qualità che esprime,
è un altro momento di crescita culturale, che dà vigore al nostro paese. La piazza, vista
come centro della cultura, mette in risalto la nostra scelta di valorizzare l’arte, è il luogo
per dare spazio ai sentimenti buoni che albergano in ciascuno di noi. In due anni – dice
il sindaco Carmine Esposito – abbiamo dato impulso all’arte, allo spettacolo, alla cultura,
favorendo tutto quello che il territorio offre, in special modo le eccellenze. Abbiamo il
bilancio pronto e certamente non taglieremo sulla cultura, proprio ora che il paese si
muove ed è propositivo al massimo. Abbiamo il problema contrario a quello di due anni
fa, cioè sono tante le attività che vengono portate alla nostra attenzione. Punteremo a
metterle in rete, sostenendo, in una selezione che è quasi obbligatoria, quelle di qualità e
di eccellenza, con il coinvolgimento degli imprenditori, che, sono certo, sapranno cogliere
sempre meglio l’opportunità di partecipare alla rinascita del paese, perché un evento di
spessore ha senza dubbio una ricaduta economica oltre che turistica sull’intero paese”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.