Home > Politica > Ottaviano. Dopo 92 ore dell’investitura, ecco la prima iniziativa recuperata (...)

Ottaviano. Dopo 92 ore dell’investitura, ecco la prima iniziativa recuperata dal neoassessore Capasso: la presentazione ufficiale del progetto per restauro del Castello Mediceo

martedì 10 luglio 2012, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Da bene confiscato alla camorra a laboratorio teatrale per i giovani a rischio della città. E’ il primo atto ufficiale recuperato del neoassessore Alberto Capasso, che dopo nemmeno 92 ore dal suo insediamento porta finalmente una ventata di novità nell’ente comunale. L’iniziativa prende vita durante la riunione di giunta di giovedi mattina e si concretizza appena dopo tre giorni attraverso l’atto deliberativo che così sancisce la linea di indirizzo per progettare e soprattutto concretizzare una migliore gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata presenti sul territorio. Per la prima volta, dopo mesi di stallo, il miracolo politico si evince dal frontespizio della stessa delibera dove tutti gli assessori sono finalmente presenti. All’ordine del giorno tante proposte, ma prima di tutto quelle che tengono conto dello sviluppo del territorio e delle risposte alle fin troppo dimenticate esigenze cittadine. Dalle parole ai fatti. Sulla scia del dinamico assessore alle politiche giovanili Mariarosaria Caiazzo, che da otto anni continua a mettere in campo con sensibilità attività sui giovani, da sempre presente con molteplici progetti e iniziative, il neo assessore entrante Alberto Capasso sfodera la sua prima idea, che nero su bianco, non solo premia il lavoro di questo lungo anno, meticoloso dell’ufficio tecnico ma rappresenta una valida linfa di rinnovamento. L’iniziativa prevede la partecipazione al finanziamento del Pon Sicurezza per lo Sviluppo 2007/2013, nell’ambito proprio del miglioramento per la gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata presenti sul territorio. In particolar modo il prospetto riguarda il restauro funzionale del Palazzo Mediceo da adibire a laboratorio teatrale per i giovani a rischio. Tavole di planimetrie, rilievi, visure castali e persino un dettagliato quadro economico con una spesa complessiva di 1.132.449,00 euro (di cui circa 267mila sono per Iva) decine e decine di pagine dove il sapore di concreto cede il passo alle tante parole. Certo l’augurio è che il tutto venga finanziato, anche se l’opera è già inserita nel Programma triennale delle opere pubbliche del 2012-2014 e dove a cura dell’ente saranno a carico del comune i costi di gestione e manutenzione e per la realizzazione in sé per sé delle attività. Certi che questi sia la prima di una lunga lista di iniziative i cittadini restano a guardare. Non da meno l’assessore Michelangelo Ambrosio che conta di presentare una serie di progetti volti allo sviluppo economico del paese, in particolar modo sullo sviluppo sostenibile. Per quanto riguarda l’assessore Vincenzo Prisco, i cittadini, in attesa di questa lunga gestazione, aspettano che partorisca qualche eventuale nuovo progetto.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.