Home > Attualità > Via Primicerio liberata dai rifiuti

Via Primicerio liberata dai rifiuti

martedì 29 gennaio 2008, di Mina Spadaro


SANT’ANASTASIA. Finalmente si comincia a ripulire una strada del paese. Oggi, infatti, alle 14.30 un nucleo del 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine è intervenuto per nell’ambito dell’emergenza rifiuti per liberare parte di via Casaliciello da circa 30 tonnellate di indifferenziata e favorire l’accesso della cittadinanza agli uffici postali di via Primicerio. Il nucleo, composto da 20 genieri e 12 automezzi, di cui due speciali, è stato scortato dalla locale P.M. fino a piazza “Caduti del lavoro”, base da cui sono partiti i primi 4 camion e due mezzi speciali diretti alla posta. Tra i commenti positivi dei presenti e i complimenti per l’organizzazione e la rapidità d’azione i militari alle 15,40 hanno “spedito” a Caivano il primo carico di rifiuti, scortato dai Carabinieri. Mezz’ora dopo altri 4 camion militari sono stati riempiti e mandati in discarica. La spola degli otto automezzi è continuata fino al termine della missione, cui hanno collaborato anche 4 uomini dell’Amav Ambiente, con relativa pala meccanica ed un mezzo utilizzato per la disinfezione dei luoghi restituiti alla cittadinanza.
“Ringraziamo l’esercito per l’intervento effettuato e ci auguriamo che tornino ancora – affermano il sindaco, Carmine Pone e l’assessore all’ambiente, Pasquale Coppola – per aiutarci ad uscire da questa terribile crisi. Dopo aver riaperto le scuole e iniziato a pulire altre zone a rischio del paese, abbiamo chiesto ed ottenuto, finalmente, anche l’intervento dell’esercito per liberare dai rifiuti l’ufficio postale. Un piccolo ma importante segnale che speriamo sia efficace ed incoraggi gli anastasiani a non mollare e pazientare, senza mai rinunciare a continuare la raccolta differenziata. Abbiamo buone possibilità di superare l’emergenza, se il Commissario Governativo autorizzerà conferimenti straordinari in discarica. Intanto registriamo un altro dato positivo e cioè l’aumento della quota giornaliera da 33 a 42 tonnellate di rifiuti da poter smaltire. Ciò ci consente di sversare le tonnellate di indifferenziata che produciamo ogni giorno ed eviterà l’aggravarsi della situazione. Raccogliere l’umido “porta a porta” e ottenere una buona, anzi eccellente, differenziazione dei rifiuti deve essere il prossimo obiettivo. Da raggiungere a tutti i costi”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.