Home > Appuntamenti > A Frigento il 10 agosto "Da Napoli/Verso"

A Frigento il 10 agosto "Da Napoli/Verso"

L’antologia di poesia sarà presentata nell’ambito della manifestazione "Calici di Stelle"

sabato 4 agosto 2007


FRIGENTO. "Da NAPOLI/VERSO", antolologia di poesia che sarà presentata il 10 agosto, alle ore 17,30, a Frigento, nell’ambito della manifestazione "Calici di Stelle".

In piazzetta Frontespizio, nel centro storico, Plinio Perilli e Ciro Vitiello coordineranno l’Evento, presenti gli stessi curatori dell’antologia, Antonio Spagnuolo e Stelvio Di Spigno. Introduce Domenico Cipriano; modera Raffaele Barbieri.

Durante la serata sarà data lettura di alcune più significative poesie, declamate dagli autori.

Segue il buffet e la degustazione guidata a cura dell’A.I.S., preceduto dal saluto delle autorità locali.

“Da Napoli, Verso” - spiega il poeta Giuseppe Vetromile, già organizzatore del premio nazionale di poesia "Città di Sant’Anastasia"- è un’occasione generazionale per poter dare al libro una configurazione, una sua compattezza, senza tuttavia snaturarlo dal suo essere un luogo di incontro dove gli interventi siano motivo di confronti e cronaca".

C’è tanta voglia di affidare le proprie emozioni ai versi poetici, nonostante la società dell’immagine e dell’apparire. Negli ultimi anni si sono moltiplicate le iniziative e i concorsi di poesia. Come spiega Vetromile l’instaurarsi di questo fenomeno?

"La voglia di conoscersi prima ancora di conoscere il mondo è insita nella natura stessa dell’uomo -risponde il poeta- Il problema è fare emergere tutta una generazione di poeti per metterli a confronto".
A quest’opera di emersione sta contribuendo un gruppo di poeti napoletani nati negli anni 50 -spiega Vetromile- (Enrico Fagnano, Wanda Marasco, Stelio Maria Martini, Alberto Mario Moriconi, Felice Piemontese, Ugo Piscopo, Enzo Rega, Anna Santoro, Antonio Spagnuolo, Raffaele Urraro, Giuseppe Vetromile, Ciro Vitiello) . I quali fanno da battistrada ad una nuova generazione (degli anni 60) scelta in giro per l’Italia, nel tentativo di allargare il panorama e creare dibattito sulla scrittura poetica. Insomma, uno sguardo che dalla Campania si apre alla nuova poesia italiana, con testi assolutamente inediti".

"Per questo nutrito drappello di poeti nati dopo il 1960 (Guglielmo Aprile, Stefania Buonofiglio, Silvia Caratti, Lorenzo Carlucci, Domenico Cipriano, Prisco De Vivo, Stelvio di Spigno, Enrico Fagnano, Francesco Filia, Mario Fresa, Carlangelo Mauro, Adriano Napoli, Alberto Pelegatta, Andrea Perciaccante, Raffaele Piazza, Mariapia Quintavalla, Jacopo Ricciardi, Francesca Sallusti, Daniele Santoro, Carla Saracino, Vanni Schiavoni, Francesco Maria Tripaldi) - conclude Vetromile- scrivere in versi è ancora un modo ravvicinato di osservare il mondo partendo del proprio vissuto".

Per il programma completo della manifestazione: www.borgodivino.com

COME RAGGIUNGERE FRIGENTO

Da Avellino: percorrere l’autostrada A16 NA-BA in direzione BARI. Uscire a GROTTAMINARDA; proseguire in direzione MONTELLA-FRIGENTO. Seguire le indicazioni: dopo circa 10 km. svoltare per FRIGENTO.

Da Napoli: percorrere l’autostrada A16 NA-BA in direzione BARI. Uscire a GROTTAMINARDA; proseguire in direzione MONTELLA-FRIGENTO. Seguire le indicazioni: dopo circa 10 km. svoltare per FRIGENTO.

Da Benevento: percorrere l’autostrada A16 NA-BA in direzione BARI. Uscire a GROTTAMINARDA; proseguire in direzione MONTELLA-FRIGENTO. Seguire le indicazioni: dopo circa 10 km. svoltare per FRIGENTO.

Da Salerno: percorrere il raccordo autostradale SA-AV in direzione Avellino. In prossimità di Avellino, continuare per la SS 7bis, in direzione Autostrada A16. Imboccare l’autostrada NA-BA in direzione BARI. Uscire a GROTTAMINARDA; proseguire in direzione MONTELLA-FRIGENTO. Seguire le indicazioni: dopo circa 10 km. svoltare per FRIGENTO.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.