Home > Politica > Ottaviano. Consiglio comunale rimandato: politici in vacanza mentre i (...)

Ottaviano. Consiglio comunale rimandato: politici in vacanza mentre i cittadini insorgono. All’ombra del muncipio accordi e banchetti post Iervolino

martedì 31 luglio 2012, di Giovanna Salvati


Ottaviano. Sarebbe stato il consiglio comunale dei chiarimenti, delle risposte e soprattutto delle novità. In tanti aspettavano quell’incontro: la minoranza per chiedere precisazioni sulle anomalie emerse in questo ultimo periodo. Il pavoneggiare l’avvio dei lavori di via Cesare Ottaviano Augusto sino alle indagini che vedono coinvolto il comando della Polizia Municipale passando per la sfilza di debiti fuori bilancio ed infine il nuovo piano di viabilità. Per la maggioranza invece, e in primis per il sindaco Mario Iervolino, l’occasione per presentare la sua nuova-vecchia giunta, chiarire il perché delle scelte e magari comunicare “buone” su eventuali novità politico amministrative che da qualche settimana viaggiano nei corridoi del palazzo governativo e riguardano i suoi “nuovi impegni” . Ed invece tutto rimandato a Settembre. La decisione è arrivata ieri durante una conferenza dei capigruppo dove i rappresentanti politici hanno deciso di rimandare tutto dopo la pausa estiva. “La richiesta di rinvio della seduta del consiglio comunale – si legge nel verbale dell’incontro - nasce dall’esigenza di controllare la posizione giuridica del dottor Giuseppe Prisco in merito alla presenza presunta o meno di caso di ineleggibilità di cui all’art.60 n.5 del Decr. Legsl. n.267 del 2000” in calce la firma dei sette consiglieri. Durante la pubblica assise infatti sarebbe stata ufficializzata la surroga al consigliere Vincenzo Prisco, ora assessore, con Giuseppe Prisco che però risulterebbe incompatibile con la carica di consigliere. Se tutto ciò risulterebbe effettivamente vero al suo posto entrerebbe Mimmo Caputo (come già anticipato dalla Provinciaonline). Causa dell’incompatibilità il suo ruolo come Revisore dei Conti al momento della sua candidatura al consiglio comunale: candidabile ma ineleggibile, ruolo però quest’ultimo che lo stesso Prisco ora non ricopre più. Ma gli amministratori vogliono vederci chiaro e così hanno deciso di aspettare e nel frattempo rimandare tutto a settembre in attesa, anche, di eventuali pareri da parte della Prefettura. Decisione questa però che non sembra essere andata giù per nulla a molti cittadini ed alcuni amministratori che invece avrebbero preferito magari rinviare il capo all’ordine del giorno riguardante la surroga ma incontrare e discutere sui problemi che da settimane sembrano rivoluzionare l’assetto territoriale. “C’è un problema che dilania il paese – commentano inferociti dalla minoranza – riguarda via Cesare Augusto e le promesse millantate e sbandierate persino su Facebook di avvio dei lavori ma che poi si rilevano l’ennesimo flop. Come i lavori della biblioteca? O come la volontà di un bilancio partecipativo. Tutta falsa propaganda. E i veri problemi restano. I cittadini vogliono avere chiarimenti sul nuovo piano di viabilità, sulla sosta a pagamento, sulla differenziata e alcuni disservizi, e invece mutismo”. Eppure in città a tutti sembra importare di tutto tranne che dei problemi dei cittadini. Non è ancora chiaro perché e per come ma l’unica corsa che vede i beniamini politici protagonisti sono la sfilza di tavole e banchetti per accaparrarsi alleanze ed alleati, simboli e big: ma si sa, e per i più maliziosi è Bibbia, ai politici piace …“mangiare”, quindi non stupitevi se in questa calda estate troverete la destra a cena con la sinistra o la sinistra a cena con il centro, l’importante è che paghino il conto.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.