Home > Attualità > Comunicati Stampa > Zorama: Partirà da Marigliano il prossimo tour invernale del (...)

ALBUM A 18 TRACCE ROCK

Zorama: Partirà da Marigliano il prossimo tour invernale del rocker

La tournèe dovrebbe iniziare da Marigliano (Na) alla fine di settembre e, proseguire con la data di Napoli intorno al 6 di ottobre. Il cantautore sta preparando il suo nuovo live tour che da novembre approderà ancora in Finlandia.

giovedì 6 settembre 2012, di Comunicato Stampa


Spenti i “riflettori” sulle ultime presentazioni di “Involitudine”, ovvero, il nuovissimo concept album del cantante napoletano, e, del tour estivo promozionale che lo ha portato in giro in Finlandia, Zorama sta già preparando un secondo giro musicale che lo riporterà ancora una volta in Scandinavia.

La tournèe dovrebbe iniziare da Marigliano (Na) alla fine di settembre e, proseguire con la data di Napoli intorno al 6 di ottobre.

Uscito lo scorso 24 aprile e dal 18 maggio distribuito anche nei circuiti digitali, “Involitudine” sta ottenendo grandi consensi da critica e pubblico, confutando al suo autore la meritata consacrazione di cantante ricercato e di “nicchia”. Inquietudine, viaggio e mistero hanno sempre caratterizzato l’affascinante mondo musicale di Zorama.

Merito del personalissimo mix di rock pulsante di oscurità, di melodie e armonie caratterizzanti e di incursioni prog, ma anche dei testi carichi di criptica tensione. In “Involitudine” il cantantaurocker campano, enfatizza la componente gotica, amalgamandola con livelli di “barocchismo” mai estremi che sfociano nella musica classica, fino a comporre un robusto disco di rock cantautorale.

Il terzo album in studio, quello più difficile da realizzare, registrato tra Olginate (Lc), Casalnuovo (Na) e Grottaglie (Ta) e, masterizzato al Rock Garden di Londra dall’anglosassone Mark Shirer, già collaboratore de The Cure e de i Placebo, suona potente e poderoso, riflettendo all’ascolto un rock suggestivo che rispetto al passato concede poca indulgenza alla melodia troppo orecchiabile.

Il caratteristico falsetto di Zorama c’è, ma lascia più spazio ad una voce più matura e graffiante, le chitarre sembrano “rubate degnamente” qua e la ai vari David Gilmour , Joe Satriani e Johnny Greenwood nelle loro roboanti e, allo stesso modo, affascinanti emissioni di mini assoli riuscitissimi.

Fra le 18 tracce che compongono quest’opera di rock cantautorale, spiccano senza dubbio, “La Morte Sulla Lingua”, “I Miei Comunicati”, “L’Incontro e L’Addio, “Quanto Mi dai” (scritta sapientemente con sua maestà Franco Migliacci), “Musa Delle Muse” e la title tracks “Involitudine”. In conclusione, altra nota di merito va alla costruzione degli arrangiamenti, che si sposano benissimo al progetto “Involitudine”, soprattutto se li si confrontano con i precedenti dischi. Una crescita totale, di ampio respiro e strutturalmente maniacale. Il risultato è da considerarsi senza alcun’ombra di dubbio più che positivo.

È un album complicato ma accessibile (non a tutti!) A gradi, un concept in continua evoluzione e tutto da scoprire. Vanno premiati, ancora una volta, il coraggio e l’originalità di una complessità non rincorsa a tutti i costi, ma endemicamente presente nel DNA dell’artista Zorama.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.