Home > Attualità > Comunicati Stampa > Chiude il Festival del Teatro-Città di Casamarciano

COL RECORD DI PUBBLICO

Chiude il Festival del Teatro-Città di Casamarciano

Settemila presenze in dieci giorni. Assegnati i premi. Riconoscimento alla carriera per Enzo Garinei.

martedì 11 settembre 2012, di Comunicato Stampa


Nola. Settemila persone in dieci giorni. Il bilancio della seconda edizione del Festival del Teatro Città di Casamarciano è decisivamente positivo.

Le sei compagnie che si sono alternate e sfidate a colpi di battute e performance nel meraviglioso scenario del Castello Mercogliano hanno stupito ed entusiasmato la platea.

Domenica sera il gran finale con la serata di premiazione condotta da Rosy Abruzzo e Stefano Antonucci. La giuria tecnica presieduta da Rosario Galli ha assegnato i premi. Il riconoscimento per la miglior compagnia è andato a L’Estravagario Teatro di Verona “ con la proposizione scenica dal titolo “ Balera Paradiso”.

La compagnia è la vincitrice della Rassegna II edizione Festival Nazionale del Teatro Città di Casamarciano. La Compagnia veronese “L’Estravagario” si è aggiudicata anche il premio della giuria popolare.

Premio miglior attrice non protagonista è stato assegnato a Stefania Tuccari della compagnia teatrale “ Divieto di Affissione” di Roma che ha presentato “ Scusaci Dumas … per i tre moschettieri “ commedia musicale di Massimiliano Bruno e Michele La Ginestra per la regia di Franco.

Miglior Regia ad Alberto Bronzato della compagnia “L’Estravagario Teatro di Verona “ con la proposizione scenica dal titolo “ Balera Paradiso” opera dello stesso Alberto Bronzato e Riccardo. Miglior attrice protagonista assegnato a Ilaria Verdini del gruppo teatrale C.l.e.a.t. ( centro lettura e attività espressive teatrali) di Ancona che ha presentato, nella rassegna, “Xanax” psico- dramma scritto da Angelo Longoni, per la regia di Davide Giovagnetti.

Premio miglior attore protagonista assegnato a Mario Troise del gruppo del Pierrot di Napoli che ha presentato “ Pigiama per sei” commedia in due atti di Marco Camoletti per la regia dello stesso Mario Troise. Premio Speciale Comune assegnato a Lucia Ridalzone del gruppo “Piccolo Teatro di Imola” che ha presentato, anche se fuori concorso, “La Signora e il funzionario”, commedia in due atti, di Aldo Nicolaj.

Il premio alla carriera è andato all’ospite d’onore Enzo Garinei che durante la kermesse si è esibito in una commovente recitazione strappando applausi. Soddisfatto il sindaco di Casmarciano, Andrea Manzi, che ha commentato c positivamente l’esito della seconda edizione del Festival.

Incassato il successo,il primo cittadino si sbilancia sul futuro. “Il nostro obiettivo è quello di coinvolgere i giovani” in una kermesse che deve diventare punto di riferimento per l’intera regione campania.
Presente alla premiazione anche l’assessore regionale alla Cultura della Regione Campania, Caterina Miraglia che ha assicurato pieno appoggio da parte della giunta regionale ad un’iniziativa di grande spessore. Totò Nicosia, direttore artistico del Festival, promuove a pieni voti la kermesse.
La presenza del pubblico in queste sere è stata la miglior risposta al nostro lavoro”.

Ad alcuni degli ospiti premiati è stato consegnato, oltre al trofeo del premio consistente in una sorta di scultura moderna in materiale trasparente, una riproduzione di un piccolo presepe, opera di Raffaele Ferrante.

Altri ospiti d’onore della serata : Mariano Rigillo, Valentina Stella, Giacomo Rizzo, il gruppo “Armonica Armonisti”, il maestro Sergio Carrubba che si esibito al pianoforte, il soprano Claudia Perrone, Julia Jelo, Marco Simeoli, Valentina Stella alla quale è stato assegnato il premio Speciale Casamarciano, e infine Pippo Veneziano tenore della Scala di Milano.
La kermesse continuerà fino al 15 con Settembre al Belvedere.

Ufficio Stampa
Pasquale Napolitano

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.