Home > Attualità > Comunicati Stampa > Somma Vesuviana, al via la festa della birra

Somma Vesuviana, al via la festa della birra

martedì 11 settembre 2012, di Comunicato Stampa


Assessorato al Tempo libero, turismo e spettacolo

Dal 13 al 16 settembre, a Somma Vesuviana presso Piazza Vittorio Emanuele III – ex Piazza Trivio, il Comune di Somma Vesuviana ha patrocinato l’iniziativa dell’associazione C.S. Villasumma che ha lanciato la prima edizione del “Somma Beer Fest”, manifestazione che intende unire il sapore della birra – di produzione artigianale tedesca - a quello dello stoccafisso, prodotto tipico di Somma Vesuviana. “Somma Beer Fest” prevede anche momenti di spettacolo con musica dal vivo, cabaret e danze folkloritiche legate alla tradizione campana e pugliese, come tarantella, pizzica e taranta. Inoltre presso la Porta del Parco, adiacente Piazza Vittorio Emanuele III, c’è una zona ludica dedicata alle famiglie con bambini. Oltre alle degustazioni di stoccafisso e birra, la manifestazione prevede anche quelle di panini con farciture legate alla tradizione del territorio. L’ingresso è gratuito. Parte del ricavato dal ticket delle consumazioni sarà devoluto in beneficenza.

Messaggi

  • un altra festa ??? ma l’amministrazione sommese sa fare solo questo??? feste, cantanti, panini ,tammorra e birra? cosa ci sarà poi così tanto da festeggiare?
    Inoltre, cosa si intende per beneficenza, a chi verrà devoluto una parte dell’incasso???

    • A Somma Vesuviana, che se ne dica e se ne faccia, sono solo due le feste degne davvero di essere ritenute tali per storia, tradizione e stile e che danno lustro alla città: la festa delle Lucerne e il Palio di Somma.
      Tutto il resto è puro intrattenimento, con celato (ma forse nemmeno troppo) interesse economico (..e politico?). E lo ammettono direttamente proprio coloro che sono chiamati a "lavorare" a questi eventi. Provate a chiedere un pò in giro..
      ps: il Comunicato di questa prossima festa di piazza, per contenuti elencati, argomentazioni nulle e scarso stile, si commenta da solo. E mi pare una chiara dimostrazione di quanto scritto prima. Tutto si rimanda, ahinoi, all’intelligenza dei concittadini.

  • certo che uno schifo pensare che ancora sul comune si da potere ai fratelli D’avino che di questa festa prendono solo privilegi economici visto che uno controlla l’organizzazione e due chissa perchè si include anche il bar di proprietà della famiglia D’avino che vergogna , cittadini svegliatevi e mi raccomando mandiamoli a casa queste rogne, ah dimenticavo il ricavato sarà dato in beneficenza in parte ma forse hanno pronta un’altra associazione affiliata a loro che ne ha bisogno? procura continuate ad indagare grazie

  • Caro "che noia che noia", se tu sei talmente superficiale da ritenere queste critiche fondatissime solo dei commenti di persone ripetitive sai cosa ti dico? che i ripetitivi non siamo noi indignati dalla mediocrità dei fratelli D’Avino, ma sono questi personaggi che non sanno fare altro che festine e festicciole. Forse tu sei uno di quelli che ronzano intorno a queste iene sperando che ti lascino un pochino di molliche?Per lo sponsor a questa festa si parte da 100 fino a 500 euro, ma dove vivete? ma chi vi credete di essere? avete la ragione dalla vostra solo perchè la gente continua a dormire e non intende prendere palese posizione verso queste schifezze...LA PRIMAVERA TARDA AD ARRIVARE

    • caro " indignato "
      la mediocrita’ sta nello speculare e accusare in modo gratuito tizio o caio come stai facendo. Ti do un consiglio visto che ti senti cosi’ al di sopra e sei tanto informato renditi utile al tuo paese, fatti avanti e dai un contributo fattivo tu e tutti gli " indignati " uscite allo scoperto unitevi e presentatevi agli elettori che " dormono " se ne avete il coraggio.
      Portate avanti le vs idee invece che fare gli spettatori e giudicare,bello mio criticare è molto semplice contribuire e invece da pochi e per pochi.
      cordiali saluti

      p.s dimenticavo ma per la festa della sinistra non hai nessun commento o giudizio da fare ?

    • La festa della sinistra è una festa politica mentre invece la festa della birra non ha alcun nesso con le radici culturali sommesi, mica siamo in Germania, diverso sarebbe stato una festa sul vino catalanesca.
      Cmq ritornando ai precedenti post è da dire che certi signori di questa specie di politica vivono di questo pane, si candidano per essere i padroni della piazza per poi realizzare festicciole per ricavarne dei soldini per vivere e per affrontare la campagna elettorale.
      Personaggi mediocri.
      Firmato e ci tengo a sottolinearlo da un elettore del centrodestra.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.