Home > Attualità > Comunicati Stampa > Miss Vesuvio 2012 in dirittura d’arrivo a San Prisco

PATRON ANNA MAIONE e NICOLA PINTO

Miss Vesuvio 2012 in dirittura d’arrivo a San Prisco

Venerdì 28 settembre alle ore 20.30 Miss Vesuvio 2012 approda all’ Oasy Park di San Prisco (località Vignarella) per l’ultima tappa del tour. Al timone della kermesse Gaetano Gaudiero.

giovedì 27 settembre 2012, di Comunicato Stampa


A scegliere la vincitrice della serata, che incasserà l’accesso alla finale di ottobre, una prestigiosa giuria che consegnerà anche le fasce messe in palio dai partner del concorso, che consentiranno invece l’accesso in prefinale.

Il Teatro Totò, in più, alla vincitrice della relativa fascia regalerà un corso di recitazione della durata di tre anni. Tale premio elargito anche nelle precedenti edizioni di Miss Vesuvio, sta consentendo ad alcune ragazze come Antonella Auricchio e Lusy Parisi, di diventare realmente promettenti attrici.

Per il direttore artistico di Miss Vesuvio, Gianni Parisi : “Il teatro è come il respiro dell’ anima” è per questo che il concorso riserva sempre particolare attenzione a questa straordinaria forma d’arte.

Anche nella serata di San Prisco, dunque, ci saranno momenti di recitazione, oltre a quelli di moda, musica, e ovviamente bellezza. Tutte le coreografie saranno curate dal ballerino Enzo Padulano.

Infine, come in tutto il tour saranno promosse le campagne di sensibilizzazione contro l’abbandono degli animali, e a favore della sana alimentazione quest’ultima in collaborazione con Sirio e Conad Megastore di Ercolano.

Alla kermesse, saranno presenti anche i due giovani e talentuosi Patron di Miss Vesuvio, Nicola Pinto e Anna Maione, che da quattro anni consecutivi portano avanti con crescente successo il concorso.

Addetto stampa
Miss Vesuvio 2012
Vera Terracciano

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.