Home > Politica > Somma Vesuviana, tocca ai Popolari per il Buon Governo lanciare il guanto (...)

Somma Vesuviana, tocca ai Popolari per il Buon Governo lanciare il guanto di sfida al sindaco Allocca

mercoledì 10 ottobre 2012


Somma Vesuviana. “Meritocrazia e competenza”. I Popolari per il Buon Governo si presentano ufficialmente alla cittadinanza facendo di questi tre princìpi il proprio cavallo di battaglia. Due punti che, secondo Paolo D’Avino, “sono venuti a mancare in questi anni di amministrazione Allocca”. A chi storce il naso per il fatto che fino a qualche mese fa gli stessi Popolari andassero a braccetto con l’attuale amministrazione di centrodestra ha risposto lo stesso avvocato: “Non è trasformismo, ma è la ferma volontà di recuperare il vecchio concetto di politica, secondo l’accezione più nobile”. Poi è toccato a Vittorio De Filippo, consigliere comunale, sviscerare le iniziative portate avanti nell’assise di Palazzo Torino dal suo gruppo. “Razionalizzazione della spesa pubblica, innovazione tecnologica e proposta e testamento biologico” le principali attività dei Popolari in questi mesi di opposizione. Un’opposizione caratterizzata dalla lotta al personalismo politico che Raffaele Maione non ha lesinato a definire “dittatoriale”. “Allocca si è distinto per una gestione personalistica della cosa pubblica” ha ricordato D’Avino. “Quando qualche componente della maggioranza ha cercato di affermare un pensiero autonomo è stato colpito dall’ostracismo più totale. E questo- ha concluso l’esponente Popolare- è uno dei motivi che ci ha portati ad abbandonare questa maggioranza”. Al di là dei contenuti però, la prima uscita pubblica ufficiale dei Popolari, per il Buon Governo serviva anche a testare il terreno sul quale dovranno poi costruire le basi quei partiti e movimenti alternativi all’attuale maggioranza di centrodestra. In sala infatti erano presenti delegazioni cittadine di Pd, Udc, Idv, Polis, l’Aurora e Pdl. Proprio quest’ultimo era forse il più rappresentato visto che, oltre a Luigi Raia, fratello del consigliere regionale Paola, c’erano anche elementi “fedeli” alla linea dell’attuale primo cittadino. E saranno proprio queste forze politiche, tra qualche settimana a mettere in campo il primo giro di consultazioni per comprendere se “l’etoregeneità” politica invocata dai segretari provinciali di Udc e Pd Carmine Mocerino e Gino Cimmino, possa avere un futuro.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.