Home > Attualità > Comunicati Stampa > Sant’Anastasia, prosegue il progetto scolastico “I bambini e il (...)

Sant’Anastasia, prosegue il progetto scolastico “I bambini e il salvadanaio”

mercoledì 10 ottobre 2012, di Comunicato Stampa


Nei locali dell’I.C.Sant’Anastasia 4 si è tenuto un incontro sul risparmio, nell’ambito del progetto “I bambini e il salvadanaio”, che coinvolge gli alunni delle classi 4 e 5. Un progetto ambizioso che nasce con l’obiettivo di abituare i ragazzi a scelte ragionate, a riflettere sul valore del denaro e sviluppare il senso di responsabilità, trovandoci a vivere in un ambiente dominato dalla pubblicità e dall’economia. La prima fase teorica di un percorso ben più lungo che culminerà nella realizzazione dell’effettivo fac simile di una banca con tutte le operazioni e le azioni effettuabili. Occasione questa per i ragazzi per trovarsi a risolvere problemi pratici inerenti all’ amministrazione dei propri risparmi. Lo scopo dei docenti è educare al valore del denaro, al risparmio e alla corretta gestione di entrambi, compito della scuola, come primaria agenzia di formazione in sinergia con le famiglie che verranno coinvolte in itinere. È stato posto inoltre un accento su quella che è ormai divenuta una piaga sociale: l’evasione fiscale. “C’è bisogno di una vera e propria rivoluzione culturale, grazie alla quale insegnare ai bambini a giocare con le tasse, modo civile di contribuire a beni indispensabili, utili a tutti” – come dice la Dirigente Angela De Falco.
A tenere la particolare lezione il Direttore bancario Francesco Esposito che l’ ha saputa rendere piacevole e accessibile, suscitando interesse e partecipazione negli alunni rispondendo con disponibilità e simpatia alle innumerevoli curiosità dei ragazzi e che condurrà i prossimi appuntamenti. Quindi, non resta che mettersi al lavoro.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.