Home > Cronaca > Pagava con carte di credito clonate: in cella un nigeriano

Pagava con carte di credito clonate: in cella un nigeriano

domenica 21 ottobre 2012


Nola – Smascherato dai militari un giro di carte di credito e bancomat clonati. In cella, è finito Isa Sanusi, 29 enne, di nazionalità nigeriana. L’uomo ha trascorso un pomeriggio di shopping ‘pazzo’ facendo spese nei negozi di elettronica del Centro commerciale “Vulcano buono”, acquistando materiali elettronici di ultima generazione per un valore di 4 mila 126 euro, difatti alla cassa effettuava i pagamenti utilizzando carte di credito che dai controlli sono risultate contraffatte. La prima ‘spesa’ effettuata dal giovane e saldata con le carte poi risultate clonate, non aveva riscontrato intoppi. Un secondo acquisto di materiali hi-tech ha però consesso ai militari della locale Aliquota operativa di arrestare il 29 enne. L’uomo aveva infatti pagato anche la seconda ondata di spese utilizzando alla cassa con le stesse carte usate in precedenza, spendendo 2 mila e 600 euro. Il piano sembrava essere andato a buon fine per il giovane nigeriano, che ormai si era allontanato dal negozio. Pochi istanti dopo, però, è stato raggiunto dai carabinieri e stato bloccato nei pressi del centro commerciale mentre tentava di allontanarsi. A seguito di una attenta perquisizione personale e dell’auto utilizzata, l’uomo è stato trovato in possesso di 2 carte di credito contraffatte e merce elettronica per un valore complessivo di 4.126 euro, acquistata poche ore prima all’interno del centro commerciale. La merce è stata posta a sequestro, mentre i militari hanno rintracciato i proprietari dei documenti, carte di credito e bancomat clonati. Il 29 enne è stato tratto in arresto ed è in attesa di rito direttissimo.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.