Home > Politica > La Sinistra per Somma, "I cittadini ci dicano come dovrebbe essere il (...)

La Sinistra per Somma, "I cittadini ci dicano come dovrebbe essere il sindaco"

lunedì 5 novembre 2012, di Gabriella Bellini


La politica diventa partecipazione. Su questo aspetto stanno lavorando gli esponenti de “La Sinistra per Somma”. Presto la città tornerà al voto, la prossima primavera, ed è tempo di scegliere leader e candidati, ecco allora che il movimento ha deciso di rivolgersi direttamente ai cittadini e chiedere a loro “Come deve essere il tuo sindaco?”. “Ascoltiamo i cittadini nell’attesa di un quadro politico più definito”, spiegano i referenti, “in vista delle prossime elezioni amministrative, ogni settimana in città si diffondono voci , si fanno nomi e si presentano autocandidature. Ma i cittadini cosa vogliono? Che caratteristiche dovrebbe avere il sindaco ideale? Chi dovrebbe, secondo loro, rappresentare la città in un momento di difficoltà come questo che stiamo vivendo? Cerchiamo opinioni, idee ma soprattutto partecipazione. Al tempo stesso vogliamo offrire uno spazio di confronto per tutti i cittadini che intendono dire la loro”. Per fare sentire la propria opinione in proposito basta contattare la Sinistra per Somma alla loro pagina Facebook oppure inviando una mail all’indirizzo sinistrapersomma@libero.it . Ma i componenti del movimento non si sono fermati alla mera questione amministrativa, hanno deciso di andare oltre e creare una web radio. “La partecipazione è essenziale”, spiegano, “abbiamo bisogno dell’apporto di tutti e di grandi sogni che dobbiamo assolutamente realizzare”. Una web radio che ha preso il via in questi giorni ed è possibile ascoltare all’indirizzo http://www.spreaker.com/user/4965204 della quale saranno ospiti giovani artisti del territorio e si potranno affrontare temi importanti, ad esempio in una delle prime quattro puntate della radio si è discusso della raccolta firme per presentare due quesiti referendari, uno per il ripristino del precedente articolo 18 e un altro per l’abolizione dell’articolo 8 della precedente finanziaria di Berlusconi, quello che, per alcune aziende, ha introdotto la facoltà della contrattazione decentrata in deroga alle tutele previste dai contratti nazionali di lavoro. A tal proposito il movimento tutte le domeniche mattina è presente nelle piazze principali della città con un banchetto informativo e i moduli per raccogliere le firme.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.