Home > Attualità > Comunicati Stampa > Carmen Rimauro è la vincitrice di Miss Vesuvio 2012

CON LOCATION IL TEATRO TORTO’ DI NAPOLI

Carmen Rimauro è la vincitrice di Miss Vesuvio 2012

Miss Vesuvio ha dimostrato di non essere solo un concorso di bellezza, ma un tour itinerante nato con l’obiettivo di valorizzare i luoghi più incantevoli e le eccellenze della Campania; ed è in questa direzione che gli organizzatori Nicola Pinto e Anna Maione , procederanno anche il prossimo anno.

giovedì 8 novembre 2012, di Comunicato Stampa


E’ Carmen Rimauro, la MISS VESUVIO 2012 eletta martedì 6 novembre al Teatro Totò di Napoli. Carmen, è di Pozzuoli, ha sedici anni, frequenta il liceo pedagogico, ama i balli caraibici.

La nuova reginetta, ha vinto un corso di recitazione gratuito al Teatro Totò, un workshop cinematografico presso la scuola "La Ribalta” di Marianna De Martino, un book fotografico da Foto Vesuvio, un contratto con il marchio di parrucco 0039 di Palma Stylist, e dulcis in fundo una parte come figurante speciale nel prossimo film di Eduardo Tartaglia.

A scegliere Carmen Rimauro una giuria esperta ed eterogenea presieduta da Marita d’Elia (casting director), e composta da Marianna De Martino (direttrice della scuola “La Ribalta”) , Ciro Ceruti e Ciro Villano (attori e registi) Ettore Squillace (coreografo), Annarita Mattei (stilista) Matteo Anatrella (fotografo) Enzo Morzillo (regista ) Lello Scuotto (responsabile della bottega d’arte “La Scarabattola”) Gianni Amarone e Gaetano Novi ( responsabili campani del concorso nazionale “Il più bello d’Italia”)

Durante la kermesse, inoltre, i partner di Miss Vesuvio 2012 hanno messo in palio delle fasce che consentiranno alle vincitrici di essere testimonial dei relativi marchi, tra cui MISS PALMA STYLIST a Ivana Gallo e Valeria Capuano, MISS QUE GUAPA ad Anna Tumolillo, MISS ROMANELLI a Valentina Cerbone, MISS KIDS HOUSE a Marzia de Biase, MISS FOTO VESUVIO a Rita Di Pinto, MISS LA RIBALTA a Vincenza dell’Aquila, MISS GIUSI BARONE a Sandra Ferrante.

Il Teatro Totò, ha offerto altri due corsi di recitazione, alle vincitrici della relativa fascia che sono stati assegnati a Federica Guadagno e Giovanna Falco, premio molto importante grazie al quale Lusy Parisi e Antonella Auricchio, (vincitrici della fascia Teatro Totò nelle due precedenti edizioni) stanno diventando promettenti attrici.

La serata, condotta da Gaetano Gaudiero e Tiziana De Giacomo, sotto la direzione artistica di Gianni Parisi, con le splendide coreografie di Enzo Padulano, è stata un susseguirsi di emozioni non solo per le partecipanti.

Il pubblico si è divertito con la comicità pungente di Salvatore Gisonna, ha fortemente applaudito il corpo di ballo di Ettore Squillace e la stupenda voce della cantante Helen Tesfazghi, si è emozionato con l’abito da sposa di Giusi Barone indossato da Michela Valmori (Miss Vesuvio 2011) ed è rimasto “estasiato” dalla acrobazie fatte con la pizza da Alberto Arino (primo classificato mondiale per la Pizza Margherita Scenografica) titolare della nota pizzeria la Caraffa di Napoli.

Ma non finisce qui! Sul finale della serata, Lello Scuotto della bottega d’arte “La Scarabattola”, nota in tutto il mondo, ha presentato una scultura molto suggestiva rappresentante il Vesuvio con lava che prende le sembianze di una figura femminile, creata proprio per il concorso, e che ha letteralmente incantato la platea, oltre ad emozionare tutto lo staff.

Insomma, Miss Vesuvio, anche in questa quarta edizione ha dimostrato di non essere solo un concorso di bellezza, ma un tour itinerante nato con l’obiettivo di valorizzare i luoghi più incantevoli e le eccellenze della Campania; ed è in questa direzione che gli organizzatori Nicola Pinto e Anna Maione , procederanno anche il prossimo anno.

Ufficio stampa Miss Vesuvio 2012: Vera Terracciano

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.