Home > Sport > GPD Saviano in festa: prima vittoria interna contro l’Indomita (...)

CAMPIONATO REGIONALE DI PALLAVOLO FEMMINILE SERIE "C"

GPD Saviano in festa: prima vittoria interna contro l’Indomita Salerno

17, 19 e 18 punti di pertinenza salernitana, lasciano pochi dubbi sulla bella prova delle padroni di casa, ben istruite da coach Lello Curcio a saper aspettare il momento buono per affondare i colpi.

lunedì 19 novembre 2012, di Mauro Romano


Promessa mantenuta! Le ‘gufette’ di mister Lello Curcio riescono a neutralizzare con un secco 3 a 0 le salernitane dell’Indomita che basavano il proprio potenziale principalmente su un amalgama collaudato nel tempo e su un’accorta difesa che il più delle volte ha lo scopo di irretire le avversarie costringendole allo sbaglio.

La truppa savianese del capitano Annalisa Angelino non ci è cascata. Quando la palla non voleva saperne di andare giù, ci hanno riprovato e poi provato ancora … fino a debellare la resistenza delle giovani atlete di mister Francesco Tescione che recrimina con le sue per non aver saputo controbattere a dovere la spinta di Elena Irollo – ancora una volta top/scorer dell’incontro con 17 punti all’attivo - e compagne.

Ma 17, 19 e 18 punti di pertinenza salernitana, lasciano pochi dubbi sulla bella prova delle padroni di casa, ben istruite da coach Lello Curcio a saper aspettare il momento buono per affondare i colpi.

E così è stato ancora un risultato pieno a distanza di sette giorni; il bis dopo Ischia che vuol significare l’aver raggiunto un’ottima intelaiatura di squadra ed una condizione accettabile che, contro le squadre di grosso calibro incontrate in rapida successione nelle prime cinque gare di campionato, non era stato possibile esprimere, principalmente per il valore delle avversarie più che per demeriti propri.

E nella partita odierna, contro una compagine alla loro portata, il teorema è stato sviluppato in modo perfetto per agguantare i tre punti preziosi che consentono di giungere a quota sette in classifica e non solo di lasciare la ‘zona rossa’ che significherebbe retrocessione, ma di assestarsi all’ottava posizione in concomitanza con la stessa Indomita Salerno e appena a tre punti dal quarto gradino della graduatoria generale. Embè!!!

I tre set sono stati caratterizzati da una iniziale fase di studio che ha tenuto le due compagini ‘azzeccate’ nel punteggio pressoché fino alla prima sospensione tecnica (7/8 – 6/8 – 8/7) o poco più. Ma già al secondo stop regolamentare (16/13 – 16/14 – 16/12) le locali facevano già intendere che non potevano sciupare una situazione così proficua per incamerare l’intera posta in palio.

Dopodiché, l’escalation delle ‘gufette’ del presidente Gennaro Morelli si è rivelata inarrestabile, per la gioia del numeroso pubblico che finalmente ha potuto assistere alla prima vittoria tra le mura amiche delle loro beniamine, e di tutto l’entourage societario.

Assente ancora Ada Tatarella, stavolta per un fastidiosissimo torcicollo, in cabina di regia si è fatta ancora apprezzare “King” Teresa Petillo (anche oggi autrice di 6 battute vincenti!) schierata in diagonale con Susy De Lucia che mostra di migliorare la propria condizione di partita in partita.

Nel terzo set, come avviene da qualche gara, la ‘contromano’ ex Cercola ultima arrivata, ha ceduto il posto a Ilaria Auriemma anche lei alla ricerca di una completa autostima che un po’ di inesperienza e qualche acciacco fisico le impediscono di acquisire pienamente.

Anna Di Nardo e Rossella Bocchino oramai stabilmente attaccanti centrali in attesa del pieno recupero di Claudia Rocco, interpretano il ruolo in modo atipico ma con estrema generosità dando il proprio apporto alla causa comune che in termini pratici significa permanenza in categoria. Attenta come non mai l’estremo difensore Mara Napolitano che ha fatto registrare un ottimo rendimento in tutti i fondamentali di difesa.

Autentiche trascinatrici, infine, i ‘martelli/ricettori Elena Irollo e Annalisa Angelino alle quali viene affidato il maggior numero di palle da ‘imbucare’ oltre la rete avversaria. E loro non si fanno certamente pregare. La loro esperienza e la ‘mano calda’ dovrebbe far dormire sonni tranquilli per il futuro.

L’hanno già dimostrato contro team avversari di valore, di esserci in modo determinante, e, anche se lo sport non è una scienza esatta, dovrebbero garantire la giusta continuità di rendimento fungendo da esempio anche per le compagne.

Ambiente euforico, dunque, e non poteva essere altrimenti visto l’andamento delle ultime due tornate. Domenica le ‘gufette’ saranno ospiti della capolista Normanna Aversa e sarà tutta un’altra musica contro il rullo compressore casertano che finora non ha lasciato neanche le briciole alle squadre che ha incontrato nelle sei precedenti gare.

Ma noi questo non lo vogliamo sapere. Come insegna il credo di coach Lello Curcio, bisogna sempre gettare il cuore oltre la rete prima di darla vinta a chicchessia. Solo a risultato acquisito, magari, diremo loro “brave”.

Ma prima di portarsi in cascina l’intera posta in palio, dovranno sudare le proverbiali sette camicie. Forza ‘gufette’, che se ci si crede, l’entusiasmo può moltiplicare le forze e rendere la vita difficile a chiunque. E’ questo che ad Aversa si pretende da VOI!!!

GPD SAVIANO 3 – INDOMITA SALERNO 0 (25/17 – 25/19 – 25/18)

SAVIANO: Napolitano (L1); Di Pippo Coppola (L2); Tatarella; Petillo (6); Di Nardo (7); Irollo (17); Peluso; Bocchino (8); Angelino (12); Auriemm (3); Rocco; De Lucia (8); Riccio. Coach: Lello Curcio; Dirigente Accompagnatore: Mariangela Notaro.

SALERNO: Rescigno (L1); Caloma (L2); Gamberlingo (2); Carpentieri (3); Caruccio (2); Cau (7); Grimaldi (2); Luongo; Navarra (2); Scoppetta; Tulino (5); Visconti (4); Liguori (10). Coach: Francesco Tescione; Dirigente Accompagnatore: Francesco Galdo.

Arbitro: Giusy Stellato – federazione di Caserta

NOTE: Durata set: 1h 05’; spettatori 150 circa; Battute vincenti: 11/3; Muri/Punto: 4/3.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.