Home > Attualità > Comunicati Stampa > Una giornata dedicata alla legalità alla scuola media statale “Merliano- (...)

A curare il progetto Pina Rubino

Una giornata dedicata alla legalità alla scuola media statale “Merliano- Tansillo” di Nola

L’occasione, la presentazione del libro “Il colore dell’Inferno” di Antonio del Monaco. Ad aprire la manifestazione Vincenzo Serpico dirigente scolastico dell’Istituto che da anni promuove progetti sulla legalità.

sabato 1 dicembre 2012, di Comunicato Stampa


Presenti tra gli altri all’incontro Gianni Durante, papà di Annalisa morta il 27 marzo 2004 durante un conflitto a fuoco tra camorristi; Gennaro Nuvoletta fratello di Salvatore il carabiniere ucciso a Marano per vendetta; e Rosalba Beneventano sorella di Mimmo consigliere di Ottaviano ammazzato dopo aver denunciato connivenze tra Enti Locali e criminalità organizzata nel feudo di Raffaele Cutolo. A curare il progetto Pina Rubino.

Tra gli interventi quello di Roberto Comune scrittore e teologo di Orta di Atella: “L’indifferenza nasce dal disagio non compreso che a sua volte scaturisce nella patologia e sfocia nel reato. Io che ho ereditato il testimone di don Peppino Diana ho fatto mia la sua frase “non bisogna morire per cambiare”.

E quindi che accogliere il dono della vita e sviluppare tutte le sue potenzialità armonizzandole e comunicandole”. La riflessione di padre Comune è rivolta anche ai killer di Lino Romano uno dei quali ha soltanto 22 anni: “Vedere la vita distrutta di Lino e quella segnata dal suo carnefice significa che siamo arrivati in ritardo. Il nostro compito è non soltanto quello di prevenire ma anche quello di formare le coscienze alla vita affinché sia rispettata”.

Antonio del Monaco si è poi rivolto alla platea studentesca ripercorrendo anche l’iter personale di ex direttore del carcere di Santa Maria Capua a Vetere: “Folgorante l’incontro con un mio detenuto – ha detto -, mi aveva chiesto di aiutarlo affinché non commettesse altri crimini e non divenisse un affiliato di camorra. Nel mio piccolo lo aiutato e oggi quel ragazzo ha una vita ‘normale’”. “Giornate come queste – ha concluso il preside Serpico – sono fondamentali per formare le coscienze e valgono più di
mille ore di lezioni trascorse nelle aule”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.