Home > Attualità > Comunicati Stampa > Il benessere parte sempre dalla conoscenza distinta

IL DOTTOR SALVATORE ALLOCCA PSICOANALIZZA

Il benessere parte sempre dalla conoscenza distinta

Qualunque sostanza si prenda in considerazione, spirituale o corporea, Dio le ha conferito misura, forma - motus, species, … - S. Agostino, "Le confessioni"

venerdì 7 dicembre 2012, di Comunicato Stampa


Il benessere parte SEMPRE dalla “conoscenza distinta” perché è fondamentalmente per comprendere veramente quello che accade nella psiche. Cosa significa veramente conoscenza distinta? È la piena consapevolezza degli eventi che ci fanno provare delle emozioni, piacevoli o spiacevoli.

Per arrivare, quindi, a una comprensione profonda è necessario chiedersi il perché delle cose perché è sempre importante ricordare che un evento da solo non è capace di produrre emozioni, sono sempre i significati che gli attribuiamo a farlo diventare portatore di emozioni.

Se proviamo a scomporre le vicende della vita, ci accorgiamo che sono composte da vari fattori e solo alcuni di questi ci fanno provare delle emozioni significative. In ogni evento che accade ci sono degli elementi fondamentali ed altri che sono elementi accessori.

Per elaborare in modo costruttivo quello che ci accade e cercare le vere cause del disagio psichico, è sempre necessario individuare l’elemento principale che genera il pensiero e poi arrivare a capire la risposta emotiva.

Proviamo a elaborare questo concetto cercando di spiegare ad una persona che significa per noi una bella giornata e per farlo dobbiamo necessariamente iniziare a definire la nostra idea di bella giornata. Per fare questo è necessario interrogarci e definire gli elementi che rendono bella una giornata e quelli che non sono fondamentali.

Chiediamoci: cosa è necessario affinché un giorno qualunque sia considerato “una bella giornata”? Elaboriamo una sorta di elenco di elementi caratteristici che ci fanno percepire “bella” una giornata e mettiamoli in ordine di rilevanza, di priorità. Ci accorgeremo che alcuni elementi saranno essenziali e altri accessori.

Daremo, sicuramente, rilevanza ad alcune cose e definiremo accessorie altre. Forse con un altro esempio, relativo alla sfera affettiva, sarà più facile comprendere questo concetto. Pensiamo all’affetto e proviamo a definirlo chiedendoci cosa significa per noi veramente affetto e cosa non è affetto.

Arriveremo a comprendere che ci sono delle cose che percepiamo come affettuose e altre che invece lo saranno meno, mentre altre ancora non ricadranno neanche nella categoria “affettuosità”. Ci accorgeremo che abbiamo una teoria, una nostra idea profondamente personale di affetto, una concettualizzazione profondamente nostra e che nasce dalle nostre esperienze ed elaborazioni personali.

Chiediamoci sempre: in che modo percepisco l’affetto? Da cosa me ne accorgo? Da quali comportamenti avverto di ricevere affetto? Se parliamo di rapporto di coppia, possiamo facilmente immaginare che alcune donne percepiscono l’affetto del marito quando lui le regala una rosa, altre quando gli viene servita la colazione a letto, altre ancora quando vengono accompagnate per i negozi a fare spese, altre ancora percepiranno l’affetto quando riceveranno manifestazioni affettuose come abbracci, baci, ecc…

Il punto fondamentale sul quale porre attenzione è la consapevolezza piena e profonda che alcuni concetti psichici per essere compresi pienamente devono passare da una conoscenza astratta a una conoscenza distinta. Bisognare sempre ridefinire quello che accade in termini di comportamenti, azioni. È sempre bene ricordare che per poter trasmettere agli altri i nostri concetti è necessario averli chiari noi. Impariamo a ricercare il vero senso delle cose che accadono intorno a noi.

Questa analisi distinta e differenziale permette di evidenziare ciò che genera veramente i processi psichici. Questa modalità della conoscenza distinta permette anche di poter aiutare una persona, portatrice di un disagio, a raggiungere una piena autoconsapevolezza di ciò di cui ha bisogno. I bisogni per essere espressi devono essere compresi e chiariti soprattutto a noi stessi.

Dott. Salvatore Allocca *Psicologo Clinico, Specializzato in Psicoterapia Cognitivo-comportamentale, Counseling, Tecniche di rilassamento e Ipnosi terapia - mail: dr.allocca@libero.it

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.