Home > Attualità > Comunicati Stampa > Somma Vesuviana casa Telethon, in scena con la solidarietà Veronica Maya e (...)

Somma Vesuviana casa Telethon, in scena con la solidarietà Veronica Maya e Gianni Molaro

giovedì 13 dicembre 2012, di Comunicato Stampa


SOMMA VESUVIANA. Anche per quest’anno la gara di solidarietà Telethon fa tappa a Somma Vesuviana. E’ previsto per domani sera, Venerdì 14 dicembre, alle ore 20,30 il secondo appuntamento per sensibilizzare alla raccolta fondi per la ricerca, che ogni anno, in città incassa centinaia di adesioni. L’appuntamento è quindi per venerdì sera, dove in scena ci sarà una simpatica commedia teatrale a cura della compagnia “La Tela” al Cinema Arlecchino. Presenti il presidente del Cral di Somma Vesuviana, nonché ideatore delle iniziativa Telethon in città, Tancredi Cimmino, il presidente del consiglio dell’ordine degli avvocati di Nola Francesco Urraro, il presidente Prisco dell’ordine dei dottori commercialisti di Nola, il rappresentante dell’associazione “Amici del Buon Vivere” Giovanni Feola, l’associazione “Festa delle Lucerne” con Nicola D’Avino e l’Unione nazionale italiana tecnici degli enti locali con Salvatore Iovino.
A patrocinare con loro l’iniziativa anche il comune di Somma Vesuviana e il sindaco Raffaele Allocca. Madrina della serata sarà la conduttrice Rai Veronica Maya, ma non mancheranno ospiti come Gianni Molaro e il cantante Giancarlo Vorzitelli e sorprese del calcio Napoli. Gli appuntamenti continueranno poi con la consegna definitiva dei salvadanai raccolti, grazie alla sensibilità dei dirigenti scolastici, dagli alunni, sabato 15 presso la Bnl di San Giuseppe Vesuviano e la chiusura di domenica mattina alle 10,30 presso la Farmacia centrale Dubbioso. A raccogliere testimonianze video e foto della maratona sarà Ciro Gibotta.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.