Home > Appuntamenti > Anche Nola apre le porte a "Monnezzopoli"

Anche Nola apre le porte a "Monnezzopoli"

sabato 23 febbraio 2008


NOLA. “C’è un’industria al Sud che non conosce crisi: i rifiuti. In Campania la fabbrica della monnezza macina ogni anno profitti record destinati ad arricchire politici corrotti e ingrassare camorristi imprenditori. Da più di 15 anni, in nome dell’emergenza rifiuti, la Campania assorbe centinaia di milioni di euro. Denaro che alimenta un circuito economico spesso in odore di camorra. Le immagini devastanti di una regione in ginocchio, sommersa dalla spazzatura, sempre sull’orlo del disastro igienico-sanitario, con proteste e rivolte popolari, producono altri devastanti effetti collaterali: la fuga dei turisti e la condanna dell’Unione europea. Dopo anni di disattenzione finalmente la magistratura penale e quella contabile hanno acceso un faro sul business della spazzatura”. Nell’ambito del programma di “Incontri d’Autore 2008” organizzato dall’Associazione “Meridies”, martedì 26 febbraio alle ore 18.00 sarà presentato il libro “Monnezzopoli – La Grande Truffa” (Tullio Pironti Edizioni), ultimo lavoro di Paolo Chiariello, (caposervizio di Sky Tg 24) presso la sala consiliare del comune di Nola. L’incontro, organizzato dall’Assessorato ai Beni Culturali del Comune di Nola, diretto da Arturo Cutolo, dalla Libreria Guida di Nola e dall’Associazione "Il Segnalibro", in collaborazione con Videonola, sarà presentato dai giornalisti Antonio D’Ascoli e da Angelo Amato de Serpis e vedrà la partecipazione, dopo i saluti del Sindaco di Nola Dott. Felice Napolitano e dell’Assessore ai BB. CC. del Comune di Nola Arturo Cutolo, dell’autore, dell’On. Paolo Russo e dell’Assessore all’Agricoltura della Provincia di Napoli Dott. Francesco Borrelli.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.