Home > Attualità > Comunicati Stampa > Ottaviano. Concerto di Natale con i maestri Sepe, Casertano e Peroni: (...)

Ottaviano. Concerto di Natale con i maestri Sepe, Casertano e Peroni: ospite d’onore il soprano Tamahi

domenica 23 dicembre 2012, di Comunicato Stampa


Saranno i violini e tenori a dare il via al “Concerto di Natale 2012” organizzato per questa sera a partire dalle ore 20,00 nella chiesa di San Giovanni Battista ad Ottaviano. Durante la serata il repertorio spolvererà i grandi brani del panorama musicale: dall’ Ave Maria di Schubert, White Christmas, Quanno nascette Ninno, Adeste Fideles e molto altro ancora. L’iniziativa è promossa dalla famiglia parrocchiale di San Giovanni e San Lorenzo, insieme all’associazione “Incontriamoci, insieme facciamo festa”. A interpretarli la voce del beniamino locale il tenore Aniello Sepe al quale si accompagneranno il tenore Angelo Casertano e Enzo Peroni altri due nomi del mondo lirico che vantano una presenza d’eccezione in più performance nell’arena di Verona.
Ospiti d’onore Elsa Evangelista, Direttore del conservatorio San Pietro a Majella di Napoli e Laura Valente, Critico musicale, nonché premiati all’ultima edizione di “Premio Città di Ottaviano”. Una manifestazione che sarà inoltre l’occasione speciale per dare il benvenuto al nuovo parroco, don Savino Simone, sacerdote arrivato ad Ottaviano ai primi di novembre. La voce possente degli artisti si intreccerà al patrimonio artistico e culturale che lo stesso complesso religioso monumentale regala già di per sé e a fare da collante al concerto sarà invece l’orchestra di dieci elementi accompagnata dal maestro Giovanni Sepe. Prevista la partecipazione straordinaria del soprano internazionale Silvana Tamahai e gruppi di danza. A condurre la serata Giovanna Salvati e Gino Aprile

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.