Home > Cronaca > Pollena Trocchia. Centrosinistra diviso sulla scelta del candidato (...)

Pollena Trocchia. Centrosinistra diviso sulla scelta del candidato sindaco

Pronto asse tra SEL e Rifondazione per mettere all’angolo i democratici

domenica 18 novembre 2012, di Gennaro Addato


DA METROPOLIS DEL 17 NOVEMBRE 2012

È scontro politico nel centrosinistra. La “campagna acquisti” mirata e capillare che va avanti da settimane non ha per il momento ottenuto uno sbilanciamento della situazione in favore dell’uno o dell’altro contendente. Il braccio di ferro vede da un lato del tavolo il Partito Democratico di Aldo Maione e Andrea Sannino (il coordinatore reclutato subito dopo le dimissioni del giovane segretario Francesco D’Angelo), che si dice pronto a scendere in campo con una propria lista. Dall’altro Giovanni Busiello (il leader dell’opposizione, uscito sconfitto dalle passate amministrative) con il suo partito, Sinistra Ecologia e Libertà, che non ha mai escluso una sua ricandidatura e proprio in questi giorni ha incassato il pieno sostegno di Rifondazione Comunista, pare in cambio di un posto nella futura squadra di governo. Un sostegno che sembra vacillare, però, tra i suoi fedelissimi, i consiglieri comunali del suo gruppo che lo hanno affiancato in tutto e per tutto in questi anni ma che da ormai troppo tempo mantengono in pubblico un profilo basso. I motivi, secondo alcuni beninformati, sono le divergenze di opinioni non tanto sulla scelta del candidato alla poltrona da primo cittadino quanto sulle ipotesi di composizione della lista. Particolarmente indigesta sarebbe risultata l’ipotesi di far correre come consigliere Giuseppe Castiello (candidato sindaco nelle passate amministrative contro Pinto e contro lo stesso Busiello), il quale dopo aver votato per oltre quattro anni in linea con la maggioranza non avrebbe remore a passare con la squadra rivale. A favore di Busiello anche Giovanni Onore, ex vicesindaco dell’amministrazione Pinto, passato all’opposizione a metà mandato.

Il patto tra i partiti della sinistra è una vera e propria prova di forza. Basterà a far ridimensionare le ambizioni del PD e ricompattare la coalizione? L’ago della bilancia, al momento, resta immobile. Il centrosinistra è in una fase di stallo. Bloccato tra un UDC che ha incassato l’appoggio di un’associazione civica ed ha già individuato il proprio candidato sindaco in Raffaele Di Fiore (ma per il momento non ha una rosa di candidati per il consiglio comunale) ed un centrodestra che difficilmente troverà un personaggio alternativo all’attuale primo cittadino, l’ambizioso “giovane” Francesco Pinto.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.