Home > Cultura > Somma Vesuviana, nel giorno della Memoria un eroe sommese salta alla (...)

Somma Vesuviana, nel giorno della Memoria un eroe sommese salta alla ribalta

mercoledì 30 gennaio 2013, di Comunicato Stampa


Il 27 gennaio 1945 ha visto la liberazione, da parte delle truppe dell’Armata Rossa, del campo di concentramento di Auschwitz. Il 27 gennaio, dunque, è divenuto ormai un giorno simbolico per ricordare gli orrori perpetrati dai nazisti durante la seconda guerra mondiale ai danni di ebrei, rom,
omosessuali, disabili e avversari politici. A questi si sono aggiunti, dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943, circa 60.000 militari italiani, rei di aver rifiutato il passaggio nelle fila tedesche per combattere contro i propri connazionali.Uno di questi era Alfonso Allocca, cittadino sommese, che il 25 gennaio di quest’anno è stato insignito della medaglia d’onore, alla memoria, concessa dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, per essere stato deportato e internato nel lager nazista di Muhlberg e destinato al lavoro coatto per l’economia di guerra dall’ottobre 1943 all’aprile del 1945. La ricerca è partita dall’Archivio Storico “Giorgio Cocozza” di Somma Vesuviana.La cerimonia di consegna della medaglia si è tenuta, nell’ambito delle Celebrazioni per il giorno della memoria, a Verona, dove il Tenente della Guardia di Finanza Antonio Auriemma, nipote di Allocca, ha ricevuto dal Prefetto di Verona Perla Stancari lo speciale riconoscimento. La medaglia ha un valore non materiale, ma solo simbolico di risarcimento morale e di riconoscimento, sia pure tardivo, da parte della Repubblica Italiana del comportamento onorevole tenuto negli anni della guerra e della prigionia da questi suoi cittadini, a prezzo d’indicibili sofferenze e sacrifici.Alfonso Allocca nacque a Somma Vesuviana il 3 ottobre 1919. Fu chiamato alle armi l’11 marzo 1940 e inquadrato nel 72° reggimento fanteria “Puglia”, Mobilitato in Albania. Fu catturato all’indomani dell’8 settembre 1943 da truppe tedesche e deportato in Germania. Fu liberato nell’aprile del 1945 e fece ritorno in Italia nel settembre dello stesso anno, con grande gioia della famiglia che non aveva più avuto sue notizie dal 1943. E’ deceduto a Somma Vesuviana il 14 gennaio 1999.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.