Home > Attualità > Somma. Carri e maschere partono oggi dal Casamale

Somma. Carri e maschere partono oggi dal Casamale

domenica 10 febbraio 2013, di Gabriella Bellini


I puffi, i politici italiani, le maschere, i coriandoli e i carri allegorici, sono questi gli ingredienti che garantiranno il divertimento nel corso della II edizione del “carnevale al Borgo” a Somma Vesuviana. Appuntamento oggi alle 16,30 in via Largo Gino Auriemma, alle porte del centro storico, da lì partirà il corteo per le strade principali del centro urbano. Nel borgo medievale poi è previsto il ritorno, per continuare la serata in allegria con canti, suoni e balli della tradizione popolare del Casamale, quella delle tammorre. Dopo il successo dell’iniziativa organizzata per la prima volta nel 2012, i giovani del centro antico di Somma, insieme alle associazioni che da sempre si impegnano per la rivalutazione del quartiere, hanno deciso di riproporre la kermesse in maschera. Saranno allestiti dei carri allegorici tra cui spiccherà proprio quello dei puffi, animato dalla presenza di tanti bambini con il volto dipinto di blu che indosseranno proprio i costumi che richiamano i personaggi del cartone animato tanto amato da grandi e piccini. Ma lo sberleffo riguarderà anche i politici, un carro sarà composto da maschere che riproducono i volti più noti della politica italiana. E per finire sarà messa in scena “la morte del carnevale”, un carro che riproduce un vero e proprio corteo funebre in modo scherzoso. Non mancheranno lanci di coriandoli e chiunque potrà unirsi al corteo, basterà indossare delle maschere od un costume. “E’ un’iniziativa voluta da tutti coloro che abitano e frequentano il Borgo Casamale”, spiegano gli organizzatore, “persone che da sempre sono dedite a voler dare vitalità al territorio in cui vivono”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.