Home > Attualità > Comunicati Stampa > Claudio Mungivera : “Scuole e ricerca sono i pilastri di una società. In (...)

Claudio Mungivera : “Scuole e ricerca sono i pilastri di una società. In Italia una scuola su due non ha certificato di agibilità".

martedì 12 febbraio 2013, di Patrizia Panico


NAPOLI: Claudio Mungivera : “ In Italia una scuola su due non ha certificato di agibilità . In altri Paesi europei ricerca e scuola hanno molte risorse , da noi le briciole”. “ Molte scuole in Italia ed in particolare in Campania , sono state costruite prima del 1974 , anno in cui sono entrate in vigore le norme antisismiche ed altre risalgono a prima del 1900”. Interviene così Claudio Mungivera , numero 2 al Senato per Centro Democratico sullo spinoso problema dell’edilizia scolastica in Italia .
“Scuole e ricerca scientifica sono due pilastri fondamentali per un Paese che vuole essere moderno – ha proseguito Mungivera – e dobbiamo riportare al centro del dibattito politico , in modo serio , tali temi . Penso che sia necessario mettere mano ad un Piano di Edilizia Scolastica che contribuirebbe al rilancio economico dell’Italia . Abbiamo edifici scolastici inizialmente nati per uso abitativo o come caserme . Inoltre una scuola su due non ha il certificato di agibilità”.
Per scuola e ricerca “le risorse si troverebbero tranquillamente perché credo che non c’è futuro senza scuola e senza ricerca . Taglio agli sprechi dell’amministrazione pubblica - ecco la ricetta Mungivera - lotta serrata alla corruzione ed all’evasione con l’ottimizzazione di fondi che potrebbero essere messi a disposizione dell’abbassamento delle tasse e della risorsa scuola . Inoltre ricordo che si potrebbe attingere ai finanziamenti europei . Tutti i paesi delle economie emergenti stanno dando priorità alla scuola . Se hanno 10 spendono 7 per la scuola e ricerca e 3 per altre cose . In Italia , alla ricerca ed alla scuola si danno le briciole e questo non è degno di un Paese del genio , della fantasia, del gusto . L’Italia è il Paese di Leonardo , di Michelangelo , del Rinascimento , di Piero della Francesca , di Raffaello , e di chi ha contribuito a migliorare la qualità della vita con scoperte scientifiche ed invenzioni che sono entrate nella storia dell’Umanità . Purtroppo , spesso tali scoperte , i nostri scienziati sono stati costretti a portarle a termine all’estero. Dobbiamo ridare spazio a questa Italia , a quella parte del Paese che crede nella meritocrazia . Dobbiamo dare vita ad una rivoluzione culturale nel rispetto della nostra storia”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.