Home > Politica > Sviluppo e Territorio. Falco e Cimmino ( Scelta Civica). “Con ricerca e (...)

Sviluppo e Territorio. Falco e Cimmino ( Scelta Civica). “Con ricerca e fiscalità di vantaggio il Nolano diventa modello vincente".

martedì 12 febbraio 2013, di Patrizia Panico


NOLA. “Ricerca e fiscalità di vantaggio costituiscono un binomio ottimale e perfetto per il territorio Nolano che potrebbe diventare così il modello vincente di un Mezzogiorno pronto a ripartire”: lo ha dichiarato Elena Falco, candidata alla Camera Dei Deputati con Scelta Civica con Monti per l’Italia, esprimendo apprezzamento per le due proposte avanzate da Luciano Cimmino, Capolista di Scelta Civica, nel corso di un incontro nel quale erano presenti oltre 200 imprenditori che si è tenuto presso il distretto industriale.

Necessario lo sviluppo del territorio, dunque, ma occorre focalizzare l’obiettivo su punti strategici, imprescindibili per il risultato richiesto. “Un polo universitario di ricerca avanzata che sia cerniera tra le aziende dell’Interporto e la città di Nola - spiega Cimmino - e sostenga le imprese del comparto, le quali - proseguono - hanno bisogno della ricerca scientifica per confrontarsi quotidianamente e a pieno titolo con la concorrenza internazionale”.
Non solo, il candidato Cimmino ha proseguito rimarcando anche la necessità di una zona franca: "Bisogna inoltre battersi per la costituzione di una zona franca che potrebbe dare concreti vantaggi agli imprenditori del sistema Cis-Interporto e al territorio, attirando investimenti anche dall’estero”. Sono queste le due proposte di Luciano Cimmino che si dice convinto che "la ricerca e la creazione di zone franche in luoghi strategici come il distretto già operativo nel nolano, possono rappresentare un volano per l’economia campana e del Mezzogiorno".
Rivolto a una platea di circa 200 imprenditori, il capolista di Scelta Civica ha sostenuto che "il Mezzogiorno rappresenta un’opportunità : “solo se cresce questa parte del Paese, l’Italia può ripartire e superare la crisi”. “Occorrono interventi sulle infrastrutture e i servizi, con le risorse sottratte dal governo Berlusconi al Sud, e un’azione decisa sul cuneo fiscale per rilanciare i consumi”, ha ricordato, Cimmino aggiungendo che “una mano alle imprese può venire dalla proposta di Monti di una progressiva riduzione dell’Irap, tassa che in passato ha penalizzato chi assumeva di più”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.