Home > Politica > Nichi Vendola a Nola

Nichi Vendola a Nola

Mercoledì 20 il presidente di SEL visiterà il Museo archeologico della città bruniana.

martedì 19 febbraio 2013, di Mauro Romano


Attesa nella città dei Gigli per la visita del Governatore della Puglia e Presidente di Sinistra Ecologia e Libertà, Nichi Vendola, che mercoledì 20 febbraio visiterà il Museo Archeologico della città di Nola.

Vendola sarà nella città di Giordano Bruno alle 16,00, subito prima di calarsi nella campagna elettorale che lo porterà nel corso del suo tour campano ad Avellino, quindi a Napoli e a Salerno.

Un appuntamento anomalo, fuori dagli schemi della campagna elettorale, con il quale il Presidente Vendola potrà ammirare molte delle splendide ricchezze conservate nel museo nolano, in particolar modo la ricostruzione delle capanne e i ritrovamenti del sito del villaggio presitorico di via Croce di Papa, il cui originale oggi è purtroppo sommerso dall’acqua a causa dell’innalzamento della falda acquifera.

Lo dice a chiare lettere Nicola di Mauro, segretario nolano di SEL e candidato alla Camera: “Abbiamo un’idea di Paese e sappiamo a cosa puntare per portare il cambiamento che l’Italia ci chiede. Nichi non farà un comizio, né un’assemblea: visiterà il museo e incontrerà i cittadini perché gli abbiamo chiesto di venire a vedere con i propri occhi i gioielli di questa terra, di rappresentare con la sua presenza un impegno più forte e più incisivo per il riscatto dell’area nolana.”

“Certo – sorride – avremmo dovuto trattenerlo per giorni: la villa romana di via Saccaccio, l’Anfiteatro, le basiliche paleocristiane di Cimitile, il Castel Cicala, per non dire del patrimonio immateriale rappresentato da Giordano Bruno e dalla Festa dei Gigli. C’è da rimanere imbarazzati per quante potenzialità quest’area esprima e soprattutto quanta ricchezza, cura, lavoro e progresso risorse così vaste e uniche avrebbero potuto portare al territorio nolano. Lo diciamo da anni e continueremo a sostenerlo: la cultura è il petrolio del nolano e dell’Italia intera, il vantaggio competitivo sul quale puntare, senza dover pensare di ridurre salari e diritti ai livelli della Cina o del terzo mondo, o senza affidarsi ancora una volta al mattone selvaggio come sta per accadere proprio nelle aree adiacenti al villaggio preistorico”

“Per questo siamo orgogliosi della presenza di Nichi a Nola – chiosa l’avv. Paolino Fusco, responsabile delle politiche culturali per SEL area nolana – perché ci aiuta a sottolineare e a rendere credibile un concetto chiaro come il sole: quando parliamo di lavoro, di ambiente, di beni comuni, di diritti è solo da un punto che possiamo partire: sono i beni culturali la nostra arma in più. Noi ricominciamo da qui.”

Per contatti
Guido De Carlo

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.