Home > Cultura > Al Teatro Corallo Francesco Paolantoni fa rivivere "Miseria e (...)

Al Teatro Corallo Francesco Paolantoni fa rivivere "Miseria e Nobiltà"

lunedì 3 marzo 2008, di Gabriella Castiello


TORRE DEL GRECO - Martedì 4 e mercoledì 5 marzo sarà di scena al Teatro Corallo “Miseria e Nobiltà”, lo spettacolo di Eduardo Scarpetta, che vede protagonista uno dei migliori e maggiormente poliedriedici attori napoletani, Francesco Paolantoni.

Continua, così, l’alternanza di generi che ormai caratterizza il teatro torrese; dopo l’operetta con Dianora Marangoni e il "Grease" della Compagnia della Rancia, sarà di scena un testo teatrale fondamentale per chiunque si sia mai approcciato al teatro, quel Miseria e Nobiltà, commedia allegra, divertente, che affronta due temi sociali di grande teatralità: la tragedia della miseria e il grottesco della nobiltà. Forte dei larghissimi consensi già ottenuti, l’opera è stata rivisitata per l’occasione dal regista Armando Pugliese, che si è avvalso dell’aiuto di Bruno Garofano per quanto riguarda le scene, di Raimonda Gaetani per i costumi e di Paolo Coletta per le musiche.
Protagonista dell’opera, dopo la magistrale e indimenticabile interpretazione di Totò nella riduzione cinematografica di Mattioli, sarà Francesco Paolantoni (che interpreterà, ovviamente, Felice Sciosciammocca), capace di alternare con successo la televisione al teatro e, riuscendo in entrambi i casi, a ottenere il consenso di critica e pubblico. Al suo fianco un altro straordinario attore partenopeo, Nando Paone (sarà Pasquale).
“Miseria e Nobiltà”: un classico da non perdere, che si mescola a forme nuove, con una veste diversa e interessante.

www.multisalacorallo.it

c.so V. Emanuele 13 – Torre del Greco (Na)

infoline: 380.2510896

info@multisalacorallo.it

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.