Home > Cronaca > Dottoressa della guardia medica aggredita da un utente mentre effettuava (...)

Dottoressa della guardia medica aggredita da un utente mentre effettuava una visita. I medici: "Ennesima aggressione: locali insicuri".

sabato 23 febbraio 2013, di Patrizia Panico


POMIGLIANO D’ARCO. Ennesima aggressione ai medici della Continuità assistenziale (guardia medica), nei locali di via Nilde Iotti (sede del quartier generale della vecchia Asl Napoli 4, area ex legge 219), del Distretto 51, da parte di un facinoroso. L’ultimo episodio denunciato in ordine di tempo risale a pochi fa, quando un uomo si è scagliato contro uno dei medici di turno mentre stava effettuando una visita nell’ambulatorio del presidio. Un’aggressione, sia fisica che verbale - sottolineano i medici in quel momento di turno, compresa la vittima - avvenuta da parte di utente che, arrivando in presidio, nonostante le altre due colleghe si erano già recate all’indirizzo indicato telefonicamente per affettuare la visita richiesta, si è scagliato con violenza contro la dottoressa Giuseppina Panico, rea di non essersi prontamente recata presso la casa dell’aggressore per visitare la nipote influenzata. La vittima è stata portata in ospedale per le molteplici contusioni riportate: “Siamo stanchi di questa violenza gratuita che subiamo da anni - denunciano i medici Giuseppina Cacciuottolo , Maria Pia Porcini e la stessa vittima - ancora una volta chiediamo ai responsabili del Distretto sanitario di trasferire il servizio di guardia medica in locali più sicuri e idonei anche dal punto di vista igienico”. L’episodio, infatti, come hanno confermato i medici del presidio mostrando le diverse denunce fatte sia alla Asl competente che ai carabinieri, è solo l’ultimo in ordine di tempo: in poco più di un mese si sono verificati altri due episodi simili. In uno addirittura un gruppo di persone, rimaste ignote, si sono recate in guardia medica e, pretendendo l’immediato intervento dell’ambulanza la quale però era fuori per un precedente soccorso, hanno preso a calci le vetrate sia dell’ambulatorio che quelle della porta esterna prima di dileguarsi. La dottoressa Giuseppina Panico, vittima dell’ultima aggressione avvenuta la notte scorsa, è stata portata in ospedale per le contusioni a braccia e spalle, mentre sul posto sono dovuti intervenire i carabinieri della locale stazione per fermare l’aggressore che all’arrivo dei militari, stava sfogando la propria rabbia anche contro la porta dopo aver lasciato il medico dolorante. I carabinieri dopo aver identificato l’individuo, tra l’altro già noto alle forze dell’ordine, è stato allontanato in attesa dello sviluppo delle ulteriori indagini dei militari.
di Patrizia Panico

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.