Home > Attualità > Uno spiraglio per la Rdb-Hebel, prorogata la cassaintegrazione. Tavolo (...)

Uno spiraglio per la Rdb-Hebel, prorogata la cassaintegrazione. Tavolo tecnico in Ragione.

martedì 26 febbraio 2013, di Patrizia Panico


VOLLA. Vertenza operai Rdb - Hebel: buone notizie dal tavolo tecnico, tenutosi ieri negli uffici della giunta regionale con la responsabile del Servizio Politiche del lavoro, i sindacati di categoria di Cgil, Cisl, Uil e i commissari straordinari dell’azienda vollese (quest’ultima è una consociata del gruppo centrale che ha sede a Piacenza). In primis è stata confermata da parte dei commissari la continuità della cassa integrazione straordinaria: l’ammortizzatore sociale era stato sospeso dallo scorso 10 dicembre ai 48 operai, già da un anno senza stipendio. Inoltre, nel corso della riunione tecnica, i commissari hanno illustrato alle parti sociali il progetto di ristrutturazione aziendale, attualmente al vaglio del Ministero dello sviluppo Economico: secondo i funzionari che stanno gestendo le sorti dell’azienda di via Lufrano, il piano necessita di circa 300mila euro per le spese di manutenzione degli impianti produttivi. Insomma non si può ancora affermare di vedere la luce in fondo al tunnel ma la morsa della crisi, abbattutasi da oltre un anno sui 48 operai dello stabilimento, si è decisamente allentata. “La cigs ci consente di andare un po’ avanti ma il fiato resta sospeso fino a quando non avremo risposta dal Ministero e soprattutto dalle banche che dovranno erogare il finanziamento per la manutenzione degli impianti delle autoclavi”, dicono le Rsu Pasquale De Maio, Feneal Uil e Andrea Salvati, Fillea Cgil. Senza il risanamento infatti i papabili compratori non siederanno al tavolo tecnico. La vertenza si apre circa un anno fa. I giudici della sezione fallimentare del tribunale di Piacenza, ad agosto dichiarano fallita la ditta di Volla nominando un curatore per la vendita della stessa. Nulla di fatto: le due aste sono andate deserte con l’unico risultato di aver portato l’impianto di produzione vollese a una svalutazione del 35% rispetto al valore iniziale di 5milioni e 800mila euro. In seguito, lo scorso dicembre il tribunale di Piacenza, converte il fallimento della Rdb - Hebel(che a Volla produce “Gas Beton”, calcestruzzo cellulare per l’edilizia), in procedura di Amministrazione straordinaria. Secondo i giudici che hanno accolto il ricorso per la Rdb - Hebel che ha sede a Volla “sussistono opportunità di recupero dell’equilibrio economico”. Con l’amministrazione straordinaria, infatti, le parti sociali possono mettere in atto un tavolo di trattative con il Ministero dello Sviluppo economico finalizzato ad un nuovo piano industriale. Per gli operai dello stabilimento sembrava aprirsi uno spiraglio ma arriva un altro stop: i tempi burocratici per il nuovo Decreto, a seguito della sentenza di conversione, causano una mancata erogazione dell’ammortizzatore sociale. Ieri finalmente la riunione che sembra aver sbloccato tutto con la garanzia dell’erogazione della cigs, compresi gli arretrati non versati e la presentazione di un piano di risanamento aziendale che attende solo il benestare dei tecnici ministeriali per poter aver avere accesso ai prestiti bancari.

di Patrizia Panico da Il Mattino ed Sud - Costiera

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.