Home > Cultura > Presentato a Nola "l’unica ragione" di Vincenza Alfano

Libreria Lex Nolana - assessorato ai Beni Culturali Nola

Presentato a Nola "l’unica ragione" di Vincenza Alfano

VINCENZA ALFANO, scrittrice e insegnante, è nata e risiede a Napoli. Dirige le attività dell’Officina della scrittura Homo Scrivens, laboratorio di scrittura creativa e si occupa di ‘scouting’ letterario. Ha vinto numerosi concorsi letterari e ha partecipato a molteplici progetti di scrittura collettiva, fra cui l’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012).

venerdì 8 marzo 2013, di Mauro Romano


In quella che possiamo definire un’anticipazione della Festa della Donna, ieri, giovedì 7 marzo 2013, alle ore 17.00, nell’Aula Consiliare del Comune di Nola, è stato presentato il romanzo “L’unica ragione”, della scrittrice partenopea Vincenza Alfano.

All’evento, promosso dalla Libreria Lex Nolana in collaborazione con l’assessorato ai Beni Culturali dell’Ente di piazza Duomo, hanno partecipato, oltre all’autrice, l’Assessore al ramo, Maria Grazia De Lucia Serpico, la docente e scrittrice Santa Mileto e Aldo Putigliano, scrittore ed editore, tutti insieme ad interessare i convenuti della ‘materia’, in un clima cordiale, con letture di brani di questa quarta pubblicazione della graziosa autrice, gustandone un assaggio di sfumature e contenuti, ovviamente non del tutto svelati, con padronanza e cognizione di causa.

Un’analisi introspettiva del testo impregnato di autentica poesia, che ne rivelano la complessità dell’animo umano partendo dall’esperienza di – come abbiamo già avuto modi di dire precedentemente - “tre donne, Tanina, Lucia e Ines … nonna, figlia e nipote. Tre generazioni diverse. A unirle la follia, forse, forse l’amore, forse entrambi. Ognuna conduce la sua vita, in un percorso in cui gli anni s’intrecciano in una continua fluttuazione tra passato e presente, memoria, ricordi, futuro. Dal dopoguerra a oggi, in un viaggio a senso inverso da Lucia a Ines, ognuna, da protagonista, descrive gli episodi che segnano la storia di una vita. Un’unica vita. Alla ricerca di una ragione. Se c’è”.

A proposito, l’autrice partenopea, partendo da una linea guida della sua attività, chiarisce: “E’ il mio quarto libro dopo la raccolta di racconti "Il cuore nel cassetto" (Graus editore) e i due romanzi "Via da lì" Boopen Led) e Fiction (Photocity) . Quest’ultimo è stato un’immersione, un momento di verità assoluta, un dialogo costante col tempo, un modo di fare memoria, una riconciliazione con la vita, un auspicio per tutti di imparare a comprendere che vale sempre la pena di vivere anche quando sembra non esserci una ragione. La mia è una ricerca, una domanda: c’è ragione nell’amore? c’è ragione nella sofferenza? c’è ragione nella vita? L’ho scritto quasi di getto, era già tutto dentro di me. Mi è bastato fermarmi e ascoltare”.

Invitiamo alla lettura di questa opera tanto originale quanto significativa – che si può trovare a Nola presso la Libreria Lex Nolana - soprattutto per chi intende ricevere una “spinta da non allineato” e dove la quotidianità più ovvia – come il mettere negli appositi recipienti le melanzane sott’olio, oppure della matriarca autorità della Tanina … o del dottore che insinua voglie carnali per la Lucia … - si immerge nei più angusti viottoli della psiche umana fino a divenirne tutt’uno.

Difficile, quindi, non essere tentati dal leggere le opere di questa bravissima scrittrice. Difficile non restare almeno incuriositi dinanzi a premesse che scardinano viscerali inquietudini partendo da concetti filosofici introspettivi ma posando con la leggerezza di una farfalla sulle eliche dell’animo umano. Un messaggio esistenziale, di fiducia, di speranza, di apertura alle sofferenze dell’umanità … da superare ad ogni costo anche al prezzo di essere considerati “fuori dalle righe”. E allora assaggiamone l’essenza nella lettura, come se fosse “l’unica ragione”. Pregustiamone i coloriti contorni in uno svuotamento del proprio animo che parte dalla ricerca di se stesso per approdare a consapevolezze altrimenti sopite e forse destinate a non essere mai esplorate … forse appena sfiorate.".

VINCENZA ALFANO, scrittrice e insegnante, è nata e risiede a Napoli. Dirige le attività dell’Officina della scrittura Homo Scrivens, laboratorio di scrittura creativa e si occupa di ‘scouting’ letterario. Ha vinto numerosi concorsi letterari e ha partecipato a molteplici progetti di scrittura collettiva, fra cui l’Enciclopedia degli scrittori inesistenti 2.0 (Homo Scrivens 2012).

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.