Home > Politica > Brusciano, arriva la commissione d’accesso le prime reazioni dei (...)

Brusciano, arriva la commissione d’accesso le prime reazioni dei politici

venerdì 22 marzo 2013, di Loredana Monda


– Dopo l’insediamento della commissione d’accesso al Comune, nella mattinata di ieri, Maria Pia Di Monda del Partito Democratico ha rassegnato le dimissioni dalla carica di consigliere comunale. Chiare le motivazione della scelta, sintetizzate in un atto ufficiale in cui si legge: “L’insediamento della commissione d’accesso al Comune in data 20 marzo, il secondo nel giro di pochi anni, riapre una pagina dolorosa, quanto infamante, per l’intero paese. I cittadini onesti ed incolpevoli e i tanti che legittimamente ed in buona fede hanno contribuito alla rielezione del sindaco Romano chiedono chiarezza, giustizia e riabilitazione della propria immagine, fidando nel lavoro scrupoloso della commissione che, auspicano, darà esito certo, in tempi brevi. Il rispetto per le istituzioni, la dignità di donna onesta e rispettosa delle leggi, impegnata in politica, inducono la sottoscritta a compiere, con convinzione, questo gesto doveroso, ritenendo, in tal modo, d’interpretare anche il desiderio di chi l’ha sostenuta ed eletta”. La notizia delle dimissioni di Maria Pia Di Monda sono trapelate nella tarda mattinata di ieri. Sono state confermate dalla diretta interessata, che ha affermato: “Non esistono più margini e tempi per dialogare con un’amministrazione simile, visto il profondo imbarazzo che impera a causa dell’accaduto e di tanti altri episodi. Più volte il mio partito ed io abbiamo invitato il sindaco Romano a dimettersi per il danno d’immagine che ha provocato al paese. Gli è stato chiesto anche in occasione della sua condanna per concussione. E’ la seconda volta in sette anni che arriva una commissione d’accesso al Comune di Brusciano per passare al setaccio l’operato di amministrazioni capeggiate dalla stessa persona. Non si poteva più proseguire serenamente nel mandato. Ho voluto lanciare un segnale forte a chi mi ha sempre sostenuto”. Esplicito il riferimento di Maria Pia Di Monda alla commissione d’accesso che provocò con il suo operato lo scioglimento - peraltro confermato da una sentenza del Tar di Napoli - della prima amministrazione di centrodestra guidata dal sindaco Romano nel 2006. Altrettando esplicito il riferimento alla condanna del sindaco Romano per concussione, accompagnata da un’interdizione temporanea dai pubblici uffici. Si tratta, tuttavia, di fatti a cui se ne sarebbero aggiunti altri più o meno noti. Frequenti sarebbero state, infatti, nel tempo anche le visite delle forze dell’ordine al Comune, per il sequestro di atti. Per questo motivo e per il fatto che pare che la richiesta d’invio della commissione d’accesso sia stata inoltrata circa due anni fa, potrebbero essere plurimi i punti su cui potrebbe soffermarsi l’attenzione degli inquirenti anche se nessuna indiscrezione trapela, al momento, su gli argomenti che saranno d’interesse di una commissione d’accesso che si è solo insediata ma non ha messo ancora mano agli incartamenti. Informato della scelta di dimissioni della Di Monda, il segretario del Partito Democratico di Brusciano Salvatore Travaglino, con riguardo all’insediamento del 20 marzo, ha asserito: “E’ un fatto molto grave che in sette anni arrivino due commissioni d’accesso. Spero si faccia piena chiarezza sull’operato di questa amministrazione, perché i cittadini hanno bisogno di certezza, per continuare ad avere fiducia nelle istituzioni democratiche, a partire da quelle locali”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.