Home > Appuntamenti > I "Matt...attori" di Thomas Mugnano con “Il Tirchio è come il porco…è buono (...)

Saviano – Teatro Auditorium

I "Matt...attori" di Thomas Mugnano con “Il Tirchio è come il porco…è buono dopo morto!!!”

Il Gruppo Teatrale proveniente da Roccarainola ha voluto devolvere l’incasso della serata in beneficenza al proprio comune per iniziative di solidarietà.

domenica 24 marzo 2013


Saviano – Successo per la commedia portata in scena sul palcoscenico savianese, con teatro pieno in ogni ordine di posti: teatro da tutto esaurito come capita nelle grandi occasioni. Consenso di pubblico per “ Il Tirchio è come il porco…è buono dopo morto!!!” una commedia scritta e diretta da Thomas Mugnano con la super visione artistica dell’attore Lucio Ciotola.

Il Gruppo Teatrale proveniente da Roccarainola ha voluto devolvere l’incasso della serata in beneficenza al proprio comune per iniziative di solidarietà. La commedia all’apertura del sipario, come nel suo epilogo, ha un suo impatto immediato sul pubblico introducendolo in una visione dantesca dell’inferno, in uno scenario di tenebra e di fitto mistero. Non mancano effetti speciali con veri lampi di fuoco incandescenti: effetti prodotti da alcuni congegni tecnici posti alla base del palcoscenico.

È la storia di una persona avara, che rivede tutta la sua vita da quella triste realtà ultraterrena, personaggio interpretato dallo stesso Thomas Mugnano, che viveva con la sua famiglia, che mal sopportava il suo modo di agire. Non mancano istanti di comicità e momenti irreali non di questo mondo: cosi il rivedere della propria esistenza terrena è interrotto da figure di angeli e demoni, che hanno centralità scenica anche con effetti girevoli dei pannelli della scenografia, che spingono il personaggio secondo le proprie intenzioni. In effetti, è la scelta tra due opposte soluzioni; un bivio per scegliere quale strada percorrere.
La scelta di Ciro Lamberti, questo il nome del personaggio principale, padrone di casa, si rivelerà non proprio la scelta giusta: morirà, odiato anche dai suoi stessi familiari, per mano del marito della sua amante. Lo stesso commediografo Thomas Mugnano racconta in una nota di regia: Quante volte nella mia vita mi sono imbattuto contro ideologie, comportamenti e modi di porsi che erano inequivocabilmente avvicinabili se non addirittura combaciabili “all’avarizia”?

Tante, anzi tantissime volte e (per me che vivo la spilorceria come un malessere epidermico), mi sono chiesto: “ ma che vita può condurre può condurre una persona benestante se nel baricentro della propria esistenza mette sempre e soltanto il dio danaro” ? peggio ancora se all’avarizia c’è l’aggravante dell’avidità.

Le due nozioni, talvolta confuse o usate indifferentemente, hanno dei significati dissimili: mentre l’avidità è il desiderio di accrescere il proprio “possesso”, l’avarizia è concentrata sulla conservazione meticolosa di ciò che già si possiede. Inoltre mentre la prima può essere ritenuta dannosa per la società per la società, poiché appare ignorare il benessere degli altri a favore del proprio, la seconda è diventata più accettabile, (a mio avviso solo perché camuffata da un vocabolo che ne allevia il significato aspro), e cioè: “ capitalismo”.

Bastano queste parole di note di regia per comprendere il significato della proposizione scena che, di fatto, descrive questa piaga comportamentale. Lo stesso autore dell’opera teatrale precisa: “L’opera apre e chiude con delle scene decisamente surreali e con un tipo di recitazione che si avvicina molto allo stile “ Brechtiano”. Si passa subito, dopo, ad una tipologia di recitazione che va tra la farsa e il tragi-comico per descrivere l’attuale quotidianità, vista in tutte le sue sfaccettature, con momenti di forte ilarità, riflessione, surrealismi e anche piccole, ma immancabili trivialità ha sempre di più caratterizzato il nostro lessico affetto da esterofilia cronica”.

Il quadro di tutti gli attori, oltre all’autore Thomas Mugnano: Marialuisa Gremito, Laura Alaia, Carmine Cavezza, Danilo Bens che ha curato le musiche di scena, Paolo Riccardi, Giuseppe Tudisco, Colomba Dello Russo, Giuseppe Napolitano, Luigi Corcione Esp. Felicya Sarno, Maria Sarappa, Marianna Coppola, Gennaro Meo che è il presidente dell’associazione I Matt…Attori, Michela Russo, Antonio Alfano, Luigi Esposito, Giovanni Meo, Mirko Mugnano , Antonio Avilio, Michela Scudieri, Giuseppe Casoria e infine Natasha De Stefano.

Antonio Romano

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.