Home > Cultura > Nietzsche in napoletano, danza e musica in scena al teatro Bolivar

Nietzsche in napoletano, danza e musica in scena al teatro Bolivar

martedì 26 marzo 2013, di Giusi Fabozzi


“Pulecenella Love. Riflessioni sull’amore a margine di Nietzsche” andrà in scena il 31 marzo, alle ore 21, al teatro Bolivar di Napoli. lo spettacolo “Pulecenella Love. Riflessioni sull’amore a margine di Nietzsche” Lo spettacolo di Luca Rossi (voce e tammorra), con Alessandro de Carolis (fiati), Biagio Rosseti (chitarre), Vincenzo Faraldo (contrabbasso), Pietro Cioffi (pianoforte) e con la partecipazione speciale di Annalisa Messina (voce).
Da Pulecenella a Nietzsche, lo spettatore parteciperà ad un processo di meditazione sulla condizione del caos contemporaneo cui è soggetto l’individuo. Conosciuto per le sue collaborazioni con personaggi di spicco come Enzo Avitabile, Luca Rossi è un giovane musicista percussionista, specializzato nelle tecniche e negli stili di tamburi a cornice, tipici dell’area del Mediterraneo, ma è anche noto come autore ed interprete del teatro popolare e folkloristico partenopeo. Nel suo spettacolo di Pasqua egli propone, su uno sfondo artistico musicale, un viaggio nella ritualità: da Pulcinella, stereotipo della città partenopea, alla teoria di Nietzsche sulla morte di Dio che rivela la condizione di solitudine dell’uomo, alla continua ricerca di idoli che diano un senso alla propria esistenza. Dal simbolo pagano, al concetto sacro, la maschera di Napoli si allontana dall’immagine lieta cui siamo abituati e cede il posto ad un personaggio tormentato dalle miserie del nostro tempo, divenendo vittima di inquietanti interrogativi a cui tenta di trovare risposta in uno scenario sempre più desacralizzato. Il pensiero dubbioso culmina nel concetto filosofico di Nietzsche espresso, per l’occasione, in lingua napoletana. Danza, musica e colori, coinvolgeranno lo spettatore verso un pensiero creativo, inducendolo a forgiare tradizioni nuove sulla scia di quelle passate. Questa la vera chiave di lettura dello spettacolo: un’attenta riflessione sullo stato di disordine attuale ma, soprattutto, uno sguardo innovativo al futuro che non dimentica i sani valori di un tempo per ricreare continuamente bellezza.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.