Home > Attualità > Asili nido nei luoghi di lavoro, dal Comune un aiuto per attivare il bando (...)

Asili nido nei luoghi di lavoro, dal Comune un aiuto per attivare il bando regionale

domenica 9 marzo 2008


CASTELLAMMARE DI STABIA - Asili nido e micro nidi nei luoghi di lavoro, l’Amministrazione propone il tavolo di concertazione con le aziende locali, pubbliche e private, per dare piena attuazione al bando della Regione Campania sul tema.
"L’Amministrazione Comunale- sottolineano il sindaco Salvatore Vozza e
l’assessore al Lavoro Mariella Parmendola- intende dare segnali concreti a
favore delle donne, che nella nostra città trovano sicuramente grandi
difficoltà a conciliare gli impegni lavorativi con quelli familiari.
Perciò cogliamo come importante occasione il bando della Regione Campania che offre contributi economici alle aziende che vogliano creare e gestire asili nido nelle proprie strutture". "E’ un’opportunità significativa per tutta la città- continuano sindaco e assessore che hanno presentato ieri mattina durante il tradizionale saluto con le dipendenti dell’ente- Il bando prevede, infatti, che una quota dei posti negli asili e nei
micro-nidi sia destinata anche a bambini residenti nelle vicinanze delle
aziende, e non solo ai figli delle e dei dipendenti. In questo modo si
potrebbe ragionare su un numero più consistente di posti per tutti i
bambini di Castellammare".

Il bando regionale è pubblicato sul Burc del 4 febbraio scorso e sul sito
web www.regione.campania.it e prevede la concessione di un contributo
massimo di 125.000 euro per gli asili nido, che possono ospitare dai 30 ai
60 bambini e di 75.000 euro per i micro nidi, che possono ospitare dai 6
ai 29 bambini. "Anche tra le lavoratrici della Pubblica Amministrazione- ha dichiarato Imma Merone, presidente della commissione comunale Pari Opportunità nel corso dell’incontro con le dipendenti del Comune- deve crescere una maggiore cultura e pratica delle Pari Opportunità. Intendo con questo all’eliminazione e alla prevenzione di eventuali discriminazioni di genere, l’adozione di piani triennali di azioni positive nei confronti
delle donne, l’organizzazione del lavoro e le politiche di reclutamento e
gestione del personale che tengano conto delle esigenze e dei talenti
femminili".

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.