Home > Cultura > Il racconto delle tradizioni locali attraverso la voce di Mikele (...)

Il racconto delle tradizioni locali attraverso la voce di Mikele Buonocore.

domenica 31 marzo 2013, di Maria Beneduce


Cinque secoli di prodigi e miracoli ed ancora oggi la Madonna dell’Arco è invocata dai fedeli. La musica che racconta la realtà del Vesuviano è nel cuore di Mikele Buonocore. “Lunnerì ’e Pasca a Sant’Anastasia nu guaglione jucava a palla e maglio, ma sbagliaje nu tiro e pe dispietto…‘A faccia d’ ’a Madonna se fa nera e scorre ‘o sango comme na funtana ca fa correre ‘a gente ‘a chiù luntana.” Questa la storia, la trama e le canzoni, dell’album che si accinge alla sua seconda riedizione <>, nel quel l’autore racconta le origini, i personaggi, i miracoli, i luoghi e i culti di una fede sacra e misteriosa. “La mia Pasqua è quella legata alle tradizioni del territorio, e che a mio avviso non devono andare perse, cosi due anni fa ho inciso <>, opera che ripercorre uno tra i momenti più sentiti e vissuti non solo a Sant’Anastasia ma nell’intera Regione, e che per le prossime festività ha visto una nuova incisione di mille copie”. Tradizioni locali che secondo il cantautore “troppo spesso non vengono arricchite o tramandate nel giusto modo. Tra le mie intenzioni c’è quella di elaborare quest’opera proprio il Lunedì dell’Angelo, tra la gente, perché l’ho pensata su strada”. L’opera “A Maronna ‘e ll’Arco e ‘e fujenti”, è nata in collaborazione con l’associazione “Terra vesuviana”, e nella quale “sono descritte le origini, i personaggi, i miracoli, i luoghi e i culti di una fede sacra e misteriosa”, dice Buonocore della sua opera popolare, che racconta la mistica storia delle Vergine dell’Arco, da cui è nato il santuario ed il quartiere Madonna dell’Arco, e che grazie alle note origini miracolose della Santissima, folklore e religione, si incontrano nel Lunedi in Albis, giorno durante il quale pellegrini e fujenti affollano la cittadina, in segno di devozione invocando “a mamm’ e ll’Arc”. Buonocore racconta la realtà, quella del Vesuviano, “amo il popolar canto e contaminare la musica con la tradizione popolare vesuviana”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.