Home > Cronaca > Sassi contro il drappello della polizia municipale. Il comandante (...)

Sassi contro il drappello della polizia municipale. Il comandante Formisano: "Siamo il front-office della legalità".

giovedì 11 aprile 2013, di Patrizia Panico


VOLLA. Atti vandalici contro la sede del Comune. Le finestre che ospitano gli uffici del drappello della locale polizia municipale, sono stati il bersaglio di alcuni ignoti che hanno lanciato contro i vetri dei grossi sassi provocandone la frantumazione. La scoperta è avvenuta domenica mattina, dagli agenti della municipale che operano al drappello in forze nella sede del Municipio. Si tratta di un episodio non isolato: il primo risale al 31 marzo scorso, quando gli stessi vetri furono presi di mira da ignoti. Nell’ultimo episodio però, le telecamere hanno ripreso l’intera scena mostrando alcuni ragazzi che scappano subito dopo aver lanciato dei sassi contro i vetri del Comune. Complice la noia o la voglia di divertirsi in maniera irresponsabile? Gli episodi, denunciati ai carabinieri della locale stazione, sono oggetto di indagine da parte della Procura di Nola che ha aperto un fascicolo dove sono stati allegati anche i filmati delle telecamere. “E’ la seconda volta, a distanza di una settimana, che rompono i vetri della finestra del nostro drappello - dice il comandante, Giuseppe Formisano - sono gesti assurdi e ingiustificabili. Non è escluso - spiega - che si possa trattare di atti vandalici compiuti da ragazzi anche solo per dimostrare superiorità all’interno del gruppo. Purtroppo - prosegue il maggiore - spesso i giovani non comprendono che in questo modo danno solo il peggio di loro. Noi siamo il front-office della lotta alle illegalità sul territorio e continueremo a esserlo”. Intanto, se nel primo episodio i responsabili, anche nel caso si sia trattato del gesto dello stesso gruppetto di bulli, sono riusciti a schivare l’occhio elettronico della telecamera, nel secondo caso tutto è stato ripreso. Dal lancio di pietre contro le vetrate del drappello della municipale, fino alla fuga dei responsabili: la telecamera posta di fronte al Municipio ha registrato l’intera scena. “Il tutto è stato trasmesso alla Procura di Nola ed alla locale stazione dei carabinieri che stanno, unitamente a noi - spiega il comandante Formisano - visionando il filmato della telecamera che nel secondo episodio ha ripreso l’intera scena e con tutta probabilità ci consentirà di arrivare ai responsabili”.
Intanto questi atti vandalici sembrano proseguire la scia di attacco alle istituzioni iniziata con l’aggressione all’assessore all’Urbanistica Riccardo Festa, avvenuta il 29 marzo scorso, davanti la sede del Comune. Tre episodi sia pure isolati tra loro ma che hanno in comune l’aggressione a persone o cose dell’istituzione pubblica. “Ignoro i motivi di questo attacco alla polizia municipale che segue l’aggressione all’assessore, ma certamente so che il nostro lavoro pesta i piedi a chi fa dell’illegalità il suo modus operandi. I controlli e la contestuale repressione dell’abusivismo edilizio, degli illeciti commerciali, stradali e di tutti gli illeciti amministrativi - spiega Formisano -in genere crea nemici ma questo è il nostro dovere”. Netta la condanna anche del sindaco Angelo Guadagno: “Il sempre auspicato aumento del presidio del territorio da parte delle forze dell’ordine e l’intensificarsi dei controlli delle forze di polizia da soli non possono bastare - dice Guadagno, rispondendo anche in merito all’aggressione all’assessore - le Istituzioni devono rispondere con forza profondendo il massimo dell’impegno nel facilitare la difesa e lo sviluppo di tutti quei contesti che rappresentano veri e propri presidi di legalità e di vivere civile. Nessuno può pensare di scalfire con tali atti - prosegue - chi mette la propria persona al servizio della collettività e del Bene comune. I pubblici amministratori - conclude -non possono cedere dinanzi ad ogni forma di illegalità, di violenza e di sopraffazione”.

di Patrizia Panico

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.